Scommesse online, evoluzione del mercato italiano

Web

Scommesse online, evoluzione del mercato italiano

scommesse online

Il mercato delle scommesse online e dei giochi da casino non conosce crisi, grazie alla digitalizzazione e ai bonus di benvenuto. Scopri di più!

Il mercato delle scommesse online e la sua diffusione

C’è un mercato, in Italia, che non sta conoscendo crisi. E questo a dispetto di alti tassi di disoccupazione, instabilità internazionale, governi politici che si alternano, siccità e alluvioni. Si tratta del mercato dei giochi e delle scommesse online, un universo che, proprio come il corrispettivo offline, si suddivide in giochi da Casino (poker, gratta e vinci, slot machine, …) e scommesse sportive.
Una ricerca condotta dall’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano è arrivata a dei risultati che, uniti alle cifre fornite dall’Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato (AAMS), non lasciano spazio a dubbi.

Solo nel 2016 gli italiani hanno puntato online per oltre 1 miliardo di euro, con una crescita del +25% rispetto all’anno precedente e per un’incidenza del 5,4% sul gioco complessivo (online più offline). L’unico settore in calo è quello del poker (-5%), a fronte di un +31% delle scommesse sportive e di un +35% dei giochi da Casino online.
A questi dati si possono poi affiancare quelli elaborati da un focus della società di studi economici Nomisma, in collaborazione con l’Ateneo di Bologna. Oltre 11 mila studenti delle scuole superiori (quindi tra i 14 e i 19 anni) hanno riferito della loro esperienza con il gioco.
Il quadro che è emerso mostra una maggiore propensione al gioco al Sud e al Centro (rispettivamente 53% e 54%) rispetto al Nord (42%), e tra i maschi (59% contro un 38% delle femmine) degli istituti tecnici (58%) rispetto ai liceali (42%).
Se un ragazzo su due nel 2016 ha puntato, il 17% lo ha fatto una volta a settimana o più (frequent player), mentre l’11% ha giocato con una frequenza mensile. In ogni caso, la maggior parte dei giocatori spende cifre molto contenute, con il 70% che punta 3 euro a settimana o anche meno.

Come si spiega la crescita dei giochi e delle scommesse online?

Come per ogni fenomeno sociale, se si vuole evitare una spiegazione semplicistica bisogna prendere in considerazione più di un fattore.

La legalizzazione

Innanzitutto, quello storico. Le scommesse legali in Italia sono disciplinate da una norma del 1942. Se all’inizio le puntate erano consentite solo nel campo dell’ippica, con il passare degli anni e l’evoluzione dei costumi si è arrivati alla fine degli anni Novanta a scommettere su risultati di altre discipline sportive.
Se agli inizi le puntate potevano essere effettuate esclusivamente recandosi fisicamente presso l’agenzia, oggi i bookmaker sono reperibili online, attraverso qualsiasi dispositivo, fisso o portatile.
È esistito, ed esiste tuttora, un mercato sommerso delle scommesse illegali. Per far fronte a questo problema, in Europa i governi hanno cercato di regolamentare il settore (nel nostro paese è appunto l’AAMS che gestisce giochi e scommesse online e offline) e la crescita esponenziale del gioco degli ultimi anni è da ricondurre proprio a questa scelta.
L’esempio più eclatante dell’efficacia normativa lo si ha proprio nell’online: nel 2006 è stata istituita una blacklist di siti illegali e quindi oscurati, che ad oggi conta ben 6.250 portali (e il numero non cessa di aumentare). Contemporaneamente è cresciuto il numero di scommettitori legali, sottratti (almeno in parte) al sommerso dei siti sprovvisti di licenza AAMS.

Il gioco online e su mobile

La digitalizzazione del betting permette di spiegare un’altra parte della crescita del fenomeno. Questo è particolarmente vero per i più giovani, soprattutto – stando ai dati raccolti da Nomisma – per gli “iperconnessi” (quei soggetti che trascorrono svariate ore al giorno davanti al pc o al telefono cellulare), ma anche i meno giovani hanno mostrato di utilizzare frequentemente i dispositivi mobili.
La legalizzazione da un lato e la digitalizzazione dall’altro hanno aumentato il numero di fornitori di servizi di scommesse online e quindi gli operatori in concorrenza tra loro.

Bonus di benvenuto per i nuovi clienti

Quando la concorrenza aumenta diventa fondamentale trovare strategie per attirare nuovi clienti e fidelizzare quelli esistenti. Ecco quindi fare capolino le offerte dei bookmaker, che offrono bonus di benvenuto sempre più consistenti nel tentativo di conquistare un pubblico sempre più ampio. È il caso ad esempio del noto portale di scommesse online William Hill, che ai nuovi clienti offre ben 100€ di bonus, oltre che quote sempre più alte rispetto alla media di mercato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche