Spagna, oggi elezioni: rischio ingovernabilità COMMENTA  

Spagna, oggi elezioni: rischio ingovernabilità COMMENTA  

Spagna

Oggi torna al voto la Spagna, costretta a replicare le elezioni dello scorso dicembre. Il parlamento non è riuscito a esprimere una maggioranza di governo.

L’incertezza avvolge la Spagna. Oggi gli elettori sono chiamati al voto per scongiurare il rischio di ingovernabilità di uno dei paesi più importanti dell’Eurozona.

Rischio ingovernabilità in piena crisi UE

Dalle elezioni dello scorso 20 dicembre è uscito un parlamento incapace di esprimere una maggioranza stabile. Furono più di 100 i deputati eletti per i partiti “nuovi”, Podemos e Ciudadanos, piombati sulla scena politica spagnola da decenni improntata al bipartitismo Pp – Psoe.

Leggi anche: La telefonata di Trump con Taiwan indigna la Cina: “Esiste un’unica Cina”


Il voto di oggi dovrà dare una connotazione precisa al futuro politico della Spagna. Si spera in un’espressione di preferenza netta, tale da garantire condizioni di stabilità e governabilità, ma il rischio che possa replicarsi il risultato di dicembre è da considerato molto concreto.

Leggi anche: Dati ISTAT, a ottobre in aumento occupazione e disoccupazione


 

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*