Terremoto: le chiamate ai soccorsi delle persone colpite dal sisma COMMENTA  

Terremoto: le chiamate ai soccorsi delle persone colpite dal sisma COMMENTA  

Sono drammatiche le telefonate i soccorsi, polizia e vigili del fuoco, delle persone colpite dall’ultimo terremoto, di magnitudo 6.5, che il 30 ottobre ha letteralmente devastato il centro italia. Chiamate al vigili del fuoco o alla polizia locale, per chiedere aiuto e soccorso immediato. Sono voci strozzate dalle lacrime, di persone spaventate e spaesate, che cercano nella voce delle forze dell’ordine o dei soccorsi una parola di conforto in una situazione enormemente drammatica, che non si viveva dal lontano 1980.


Vi sono poi altri cittadini che chiedono aiuto perchè impossibilitati a mettersi in contatto con i propri famigliari dopo il terremoto, che ha raso al suolo interi paesi; altri ancora segnalano crolli nella montagna o della propria casa; una donna disperata, con la voce rotta dal pianto, spiega, “la casa vicino alla chiesa di San Giuseppe è crollata, non so se dentro ci sono i bambini”. Insomma attimi estremamente difficili, che i soccorritori hanno sapientemente gestito cercando di tranquillizzare le persone che hanno loro telefonato, come è possibile sentire nei diversi file audio pubblicati online negli ultimi giorni, testimonianza di una mattinata che sarà impossibile dimenticare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*