Violento terremoto 4.9 nelle Marche, paura e gente in strada COMMENTA  

Violento terremoto 4.9 nelle Marche, paura e gente in strada COMMENTA  

Notte di terrore nelle Marche colpite da una violenta scossa di terremoto di magnitudo 4.9. Il sisma è stato registrato alle 3:32, esattamente la stessa ora di quello che colpì L’Aquila nel 2009, ed è stata chiaramente avvertita dalla popolazione delle province di Ancona e Macerata, molti dei quali hanno lasciato le abitazioni e trascorso la notte all’aperto. Il terremoto sarebbe stato molto lungo e in molte località della regione lo avrebbero sentito, mandando poi in tilt i centralini di vigili del fuoco e protezione civile. L’epicentro è stato individuato dall’Ingv in prossimità dei comuni anconetani di Numana e Sirolo e di quello maceratese di Porto Recanati mentre l’ipocentro a circa 8,4 Km di profondità. Nella stessa zona, nei giorni scorsi erano state registrate alcune scosse di magnitudo inferiore l’ultima delle quali, di magnitudo 3.2, era stata registrata il 17 luglio. La zona infatti è interessata da uno sciame sismico dallo scorso giugno.

Leggi anche: Ad Ancona Sensi D’estate


Il capo della Protezione civile delle Marche, Roberto Oreficini, si è recato immediatamente presso la sala operativa di Ancona per i primi accertamenti mentre i sindaci e dei Vigili del fuoco stanno effettuando le verifiche sul territorio. Dopo la prima forte scossa di magnitudo 4.9, sono seguite diverse scosse di assestamento, la più forte delle quali è stata registrata alle 5.07 con magnitudo 4. Al momento non risultano danni a cosa o persone.

Leggi anche: Marche: terzo decesso per listeriosi in pochi mesi

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*