Bambole di porcellana: le migliori promozioni
Bambole di porcellana: le migliori promozioni
Donna

Bambole di porcellana: le migliori promozioni

bambole di porcellana

Generalmente le bambole di porcellana vengono interamente modellate e dipinte artigianalmente. Ecco una vasta selezione di modelli disponibili alla vendita su Amazon, suddivisi nelle varie fasce prezzo.

Di solito le bambole di porcellana vengono interamente modellate e dipinte artigianalmente. Infatti tutta la zona del corpo e del viso della bambola di porcellana, viene lavorata dagli esperti del settore della porcellana in maniera artigianale, eseguendo le varie incisioni. Il loro processo di creazione è abbastanza lungo e complesso. La fase iniziale prevede la lavorazione del singolo pezzo, che nasce da una forma in creta che a poco a poco prende le sembianze della tipica bambola. Successivamente si costruisce la forma originale in gesso dove viene colata la porcellana, riposta in forni dove raggiunge la temperatura di circa 1300 gradi. Da ricordare che le bambole antiche sono considerate pezzi d’ antiquariato, e tutti gli esemplari di maggiore rarità sono considerati talmente preziosi da essere collocati nei musei.

Bambole da collezione

Nell’Europa dell’Ottocento la bambola ha acquisito una sua prima identità formale, avvicinandosi sempre di più all’aspetto umano. Le bambole che ebbero maggiore diffusione tra il 1800 e il 1840 erano quelle realizzate in legno, con dei corpi che potevano essere interamente in legno oppure potevano avere il capo di legno montato su corpi di pelle di capretto, con dei vestiti che rispecchiavano la moda del tempo.

Tali materiali permettevano l’utilizzo di stampi diminuendo il tempo di produzione e il costo delle bambole, ed erano prodotte principalmente in Germania. Per quanto riguarda le bambole in cartapesta e cera, si presentavano con varie taglie che andavano dai 12 centimetri a oltre un metro di altezza.

Le bambole nell’Ottocento

Anche gli arti iniziarono ad essere modellati con più cura cercando di avvicinarsi il più possibile all’anatomia umana. Le pupe in cartapesta e cera costituivano una valida alternativa a quelle, più costose, ma anche più preziose, in porcellana costruite in Francia. Per tutta la seconda metà dell’Ottocento le bambole in porcellana soppiantarono decisamente le altre. Il loro aspetto così veritiero era dovuto ad uno strato di lucido messo sul volto prima della cottura e l’applicazione di occhi in vetro soffiato, ma anche la bravura dei pittori di quel periodo aveva inciso sulla bellezza di queste pupe che ancora oggi vengono ammirate.

Verso il 1890 erano già prodotte bambole lavorate attraverso colatura di porcellana fluida negli stampi invece che con il metodo a pressione, con delle teste che venivano tagliate diagonalmente per permettere l’applicazione di meccanismi per il movimento degli occhi, richiuse poi con calotte dove venivano attaccate le parrucche di mohair o capelli veri.

Una delle novità rivoluzionarie nel campo del balocco fu caratterizzata dalle bambole che riproducevano le espressioni dei bambini di pochi mesi come il pianto, il capriccio e altre curiose smorfie, con la presenza dei vari accessori tipo borsette, ombrellini o cestini di fiori.

Ma nel secolo delle trasformazioni e invenzioni meccaniche non potevano mancare anche i meccanismi predisposti per bambole che le facessero muovere, come l’applicazione di meccanismi a molla per permettere il movimento degli arti e della testa a volte accompagnato dal suono di un carillon.

Bambole di porcellana

Nei mercati europei, per bambola antica si intende una bambola che sia stata realizzata prima della metà del secolo scorso, quindi delle vere ed autentiche bambole le cui parti sostituite non superano complessivamente il 40%. Stabilito ciò, dopo aver valutato la bambola in una sua visione d’insieme, si procederà ad un’ analisi più ravvicinata dei suoi elementi stilistici e strutturali, il tutto per individuare il periodo storico nel quale si sono affermati, la località e l’azienda di provenienza per quanto riguarda la costruzione, verificando anche tutto il corpo, il viso ed i vestiti presenti.

Materiali

Tra i materiali più utilizzati per la realizzazione dei corpi delle bambole, troviamo la porcellana, la celluloide e il vinile.

Inoltre sono presenti vari modelli di corpi di bambole, come quelli realizzati in un unico pezzo, con braccia e gambe attaccate al torso, gli articolati con collo e arti snodabili ed infine quelli imbottiti in vero tessuto di cotone o in maglia elastica.

Porcellana

La porcellana appartiene al grande gruppo della ceramica che comprende tutti i tipi di materiali che sono fabbricati con l’argilla o con una materia grezza a contenuto argilloso. Infatti si parte dalla ceramica grossolana fino ad arrivare alla vasta gamma dei prodotti della ceramica fine. La differenza qualitativa dipende dalla intrinseca pregevolezza delle materie prime, dai differenti metodi di lavorazione e dalle temperature di cottura cui il prodotto è sottoposto. La terracotta viene fabbricata presso tutti i popoli fin dai tempi antichi, ed è quella di più facile realizzazione richiedendo una sola cottura a fiamma libera. Inoltre può essere lavorata anche mediante ceramica a freddo, in cui la terracotta veniva ricoperta con colori o patinature di varia specie, un metodo antico molto usato dai greci.

Caratteristiche della porcellana

Le caratteristiche speciali della porcellana sono:

  • Durezza;
  • trasparenza;
  • resistenza all’invecchiamento;
  • ottimo potere isolante.

La trasparenza è una caratteristica peculiare della porcellana, ovvero la possibilità di vedere la luce attraverso una superficie di porcellana.

Essa conserva nel tempo inalterate tutte le sue proprietà di durezza, di compattezza, di resistenza, di lucentezza ed infine di trasparenza. Altra caratteristica della porcellana è il suo ottimo potere isolante nei confronti della corrente elettrica, per cui trova l’impiego negli impianti a bassa e alta tensione.

Un’altra caratteristica della porcellana è la brillantezza della superficie, il suono gradevole al tocco e la sua purezza assieme alla tonalità del colore. Infatti durante la fase di rottura di un apposito oggetto di porcellana, tutta la parte interna si presenta liscia, compatta ed impermeabile all’acqua. La lavorazione della porcellana è abbastanza complessa: le sue materie prime vengono innanzitutto estratte dal suolo, pulite, macinate e mescolate assieme tra loro (tutte lavorazioni manuali). Successivamente la vernice viene cotta all’elevata temperatura di circa 1.400°C. Una volta sottoposta all’alta temperatura, viene eseguita la finitura del prodotto. Durante questa fase è possibile notare lievi differenze in ambito di colore, spessore e piccole imperfezioni, che possono variare da modello a modello proprio per le naturali caratteristiche tecniche della porcellana.

Porcellana e Terraglia

Fra la porcellana e la terraglia esistono delle grandi somiglianze, e dal punto di vista estetico sono molto simili.

Le loro differenze sono essenziali sia per la loro composizione sia per il metodo di fabbricazione, e vengono sottoposte a una doppia cottura. Durante la prima cottura della porcellana, la temperatura varia da 800 a 900°C mentre nella seconda la temperatura sale sui 1300/1500°C. La terraglia, invece, subisce un trattamento diverso: infatti durante la prima cottura la temperatura è di 1140/1200°C, mentre nella seconda è di 900/1040°C. Inoltre il coccio della porcellana è del tutto compatto, e forma col suo smalto un corpo unico e indivisibile, mentre nella terraglia l’applicazione dello smalto molle si ottiene con la cottura del coccio.

Celluloide

È un materiale plastico prodotto industrialmente miscelando due tipi di materiali, ovvero la nitrocellulosa e canfora. La celluloide viene prodotta in piccolissime quantità, perché è stata soppiantata dalle resine derivate dal petrolio, più facili da lavorare e meno costose. Durante il processo di fabbricazione, la nitrocellulosa viene gelatinizzata con alcool e canfora, e ‘alcool promuove la plasticità durante lo stampaggio.

Inoltre la celluloide è termoplastica e può essere stampata nelle forme desiderate mediante applicazione del calore fino ad una temperatura di 100°C e mediante stampaggio a pressione.

Aspetti di una Bambola di Porcellana

La Testa è la parte più importante per identificare o classificare una bambola antica, che può essere di tipo Chiusa o bombata, con capelli modellati e dipinti, aperta e senza la nuca e la parte frontale e con occhi dipinti, di cristallo soffiato e con le palpebre che si aprono e chiudono. Inoltre sono presenti anche modleli di bambole antiche che sono caratterizzate da segni di rughe sul viso. Le teste in porcellana venivano realizzate secondo due procedimenti, ovvero tramite la pressatura a stampo e con la tecnica del colaggio in stampi assorbenti.

Il vestito viene arricchito con pizzi, merletti, fiocchetti, bottoncini accuratamente scelti per ogni bambola, mentre i piedini sono rivestiti con scarpine in pelle. Gli abiti delle bambole da collezione rispecchiano sempre la moda dei tempi, infatti le bambole del ‘900 sono caratterizzate da abiti pregiati e venivano confezionati tutti a mano. Inoltre sono presenti numerosi accessori fondamentali, come i piccoli guanti, borse, ombrellini, indumenti intimi, calze e scarpe, che possono essere in cuoio, stoffa o camoscio. Da tali materiali si può identificare una bambola antica, in quanto il marchio di fabbricazione veniva stampato anche sulla suola.

Fabbricazione bambole

Le orecchie sono di tipo forate, mentre i modelli di bambole con occhi fissi hanno un’uniforme colata di gesso all’interno della testa. La fabbricazione procede seguendo la tecnica della colatura in stampi. Gli altri modelli invece, sono caratterizzate da occhi mobili, fissi, ad intaglio o in vetro e con i capelli dipinti, modellati o con parrucche. Gli occhi mobili, invece, vengono trattenuti all’interno da due leggere colate di gesso che ne permettono il movimento. Sono di tipo rotondi e collegati tra loro da un filo di ferro che si congiunge ad un piombo. Precedentemente le bocche erano, quasi sempre, chiuse con i contorni delineati da un tratto di pennello rosso o rosa.

Modelli inferiori a 6 euro

Bambole In Miniatura 1:12

Modello di bambola in Miniatura in scala 1:12, davvero molto bella.

Bambola con capelli intrecciati

Realizzata completamente in porcellana, si presenta con capelli intrecciati tra di loro. Davvero un bel design,con un’altezza di circa 10 cm in scala 1:12.

Modelli tra 10 e 40 euro

Bambola di Porcellana 1:12

Bellissima bambola di porcellana con vestito dal colore viola. La bambola si presenta con dei capelli ricci castani e indossa un cappello viola con pizzo bianco e penna di decorazione, e con un pizzo ombrello bianco in mano. Le dimensioni sono contenute, con una lunghezza di 15 cm, realizzata con ottimi materiali.

Bambola in Miniatura

Piccola bambola di porcellana che indossa un abito verde con cappello. Alta circa 15 cm in Scala 1:12.

Bambola di porcellana con abito da ballo rosa

Il modello di bambola di porcellana in questione, si presenta con uno splendido abito da ballo di colore rosa. IL suo peso effettive è di circa 1,3 Kg.

Bambola Caterina

Si presenta con delle dimensioni effettive di 56 x 56 x 80 cm con un peso complessivo di 1,62 kg, dalla colorazione Multicolore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche