California, figli incatenati e senza cibo: coppia arrestata
Esteri

California, figli incatenati e senza cibo: coppia arrestata

California

In California, una coppia è stata arrestata perchè teneva i tredici figli segregati in casa, mal nutriti e anche disidratati.

Una vera e propria scena dell’orrore quella che si sono trovati di fronte i poliziotti in California, dove in una palazzina una coppia teneva i propri tredici figli completamente segregati, incatenati ai letti, mal nutriti e disidratati. A far scattare l’allarme è stata direttamente una delle vittime, una ragazza di diciassette anni, che è riuscita a scappare dalla casa in cui era rinchiusa, avvertendo poi la polizia. Gli agenti sono subito intervenuti sul luogo dove si è verificata la vicenda, arrestando i due genitori, David Allen Turpin e Louise Anna.

Shock in California

Una coppia teneva i propri tredici figli completamente segregati in casa, incatenati al letto, senza cibo e disidratati. E’ stata questa la scena orrenda che i poliziotti si sono trovati di fronte in una abitazione in California, nei pressi di Los Angeles. A far scattare l’allarme è stata una delle vittime, una ragazza di diciassette anni, che è riuscita a scappare dalla casa in cui era rinchiusa e ad avvertire la polizia.

Gli agenti sono subito intervenuti sul luogo in cui si è verificata la vicenda, arrestando i due genitori, David Allen Turpin (57 anni) e Louise Anna (49 anni). Le vittime versavano in condizioni così pietose che gli agenti non sono riusciti a capire la loro età fin da subito.Secondo gli inquirenti, infatti, la stessa diciassettenne che è riuscita a scappare (mettendo anche in salvo i fratelli e le sorelle) dimostrerebbe una età intorno ai dieci anni.

Entrando maggiormente nel dettaglio, sette dei tredici figli tenuti prigionieri hanno una età compresa tra i diciotto e i ventinove anni. Gli altri sei, invece, sono tutti minorenni, tra cui anche un bambino di soli due anni. Adesso i genitori rischiano grosso, in quanto sono accusati di sequestro di persona e di minori. Ma non solo. La coppia è anche accusata dei reati di maltrattamento e di tortura. Nel frattempo, tutte le vittime sono state ricoverate e attualmente versano in condizioni di sofferenza e disagio, soprattutto perchè hanno patito la fame e la sete.

Ma anche per via della mancanza di movimenti, dovuta in particolare al fatto che non avevano alcuna libertà.

Cosa rischiano i genitori

Come già accennato in precedenza, ora i genitori rischiano una pesante condanna, in quanto accusati di sequestro, maltrattamento e tortura di persona e minori. Per i due è stata anche fissata una cauzione pari a nove milioni di dollari a testa. la coppia aveva una pagina Facebook n comune, in cui oltre alle loro foto, condividevano anche quelle dei figli. Inoltre, dai registri della Contea di Riverside è emerso che Turpin aveva ricevuto da parte dello Stato una autorizzazione per gestire una scuola privata, chiamata Sandcastle Day School. La sede della scuola era proprio nella “casa degli orrori” e quest’anno aveva accolto in maniera ufficiale sei studenti.

Nel 2011, inoltre, la coppia aveva dichiarato bancarotta. Tanto che aveva un debito tra i centomila e i cinquecentomila dollari. All’epoca l’uomo lavorava come ingegnere alla Northrop Grumman e guadagnava circa 140mila dollari l’anno.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche