×

Caso Weinstein, Vittorio Feltri attacca Asia Argento

Caso Weinstein, il direttore di Libero Vittorio Feltri attacca Asia Argento dopo che lei, a distanza di una ventina d’anni, ha denunciato di aver subito uno stupro dal produttore hollywoodiano.

Dichiarazioni
Vittorio Feltri, direttore del quotidiano "Libero"

Le dichiarazioni

Ha detto la sua su Asia Argento

Anche il direttore di Libero Vittorio Feltri interviene sul caso Weinstein e lo fa a gamba tesa, attaccando l’attrice e regista Asia Argento, che dopo oltre 20 anni, ha denunciato di essere stata stuprata dall’ex produttore hollywoodiano Harvey Weinstein, cedendo alla sua “richiesta” di praticargli sesso orale, se voleva fare cinema, e sentendosi obbligata ad avere rapporti sessuali e una relazione con lui per i cinque anni successivi.

Ha denunciato uno stupro

“A me sembra strano che ci siano degli stupri consensuali. Non mi pare che questa ragazza si sia opposta. Fa ancora più ridere il fatto che prima la danno via, poi piagnucolano un po’, e dopo 20 anni si pentono accusando il presunto stupratore. Mi sembra addirittura paradossale”, tuona Feltri, ospite a La Zanzara su Radio 24. Ha fatto poi presente che, al contrario di lei, altre si siano rifiutate – come Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, le quali hanno denunciato anche loro di aver subito abusi da Weinstein –.
“Invece di fare la parte di un filmino, andavano a fare le commesse o le cassiere in un supermercato. Nessuno ti obbliga a diventare una grande attrice – continua Feltri – Se tu la dai via per ottenere un vantaggio, è una forma di prostituzione”.

Praticamente ha sottolineato come in realtà quello che c’è stato tra il produttore americano e Asia Argento, sia stato un cunnilungus consenziente – “cunnilungus” è il “termine tecnico” per il sesso orale fatto ad una donna –. Feltri afferma che “a 21 anni” – tanti ne aveva Asia quando è avvenuto il fatto – non possa “esserci sudditanza” come ha affermato lei nei confronti del suo presunto e celebre stupratore. Oltretutto il giornalista italiano osserva di non aver “mai visto fare violenza con la lingua”. Ancora, ironizza Feltri, Asia Argento “ha avuto una riflessione piuttosto lunga. Le è piaciuto evidentemente, sennò avrebbe smesso di frequentarlo”.

Asia Argento querela Libero

Ha querelato Libero

Dopo le affermazioni di Vittorio Feltri, riportate dal suo giornale, Asia Argento l’ha querelato per averla offesa – e non è il solo, oltre ai tanti attestati di solidarietà che ha ricevuto la figlia del noto regista dei film horror Dario per quanto le è accaduto, e anche di approvazione per aver trovato il coraggio di denunciare il caso, sia pure dopo così tanto tempo -. A questo punto Libero non si è fatto sfuggire l’occasione e sulle sue pagine si legge il commento caustico: “Visto che ci ha messo 20 anni a denunciare le malefatte di Weinstein, Asia ci poteva mettere gli stessi 20 anni per denunciare Libero, invece è stata più rapida“.


Contatti:

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche