×

Come scegliere l’abito da sposa

default featured image 3 1200x900 768x576

abiti da sposa1 249x300Ci sono donne che fin da bambine sognano l’abito da indossare nel giorno più bello della propria vita: il matrimonio.

Alcune lo immaginano, lo disegnano, arricchendolo di particolari fino al giorno in cui finalmente giungono all’altare. Sicuramente si tratta di una scelta impegnativa, dopo quella che riguarda l’uomo da sposare e amare per tutta la vita, quindi va fatta con idee ben chiare e una buona dose di senso pratico. L’abito dei propri sogni, quello che ci si immagina di indossare, deve essere però in armonia con tutti gli altri elementi della cerimonia.

Si deve quindi tenere conto dell’età, del tipo di cerimonia (se in chiesa o al Comune), del luogo, dell’ora, della stagione, del fisico e delle tendenze moda del momento. Prima di tutto l’abito da sposa deve valorizzare la figura di chi lo indossa, mimetizzando eventuali difetti fisici (che tutte abbiamo). Se l’abito a sirena o una scollatura pronunciata non si adeguano alla silhouette, meglio rinunciare anche se “vanno di moda”.

L’eleganza è data dal giusto mix tra semplicità e sobrietà, quindi conviene non esagerare con modelli troppo eccentrici o particolari. Secondo i titolari di alcune atelier, il colore bianco classico resta sempre la scelta più indicata, ma anche la variante bianco avorio è molto valida. L’orientamento di quest’anno prevede un nastro colorato rosso, blu oppure nero per ornare e personalizzare l’abito. Se si vuole aggiungere un tocco prezioso, si può optare per il pizzo e gli strass.

Per quanto riguarda l’elemento più importante del vestito, il velo, le spose del 2011 potranno scegliere o quello “a voliera”, calato sul viso, oppure quello “a cattedrale”, che in genere è lungo non meno di tre metri. I primi appuntamenti in atelier andrebbero presi con largo anticipo, almeno nove mesi prima delle nozze. Dopo circa tre mesi si sceglie il modello definitivo e gli accessori, che verranno provati un mese ed una settimana prima della cerimonia.

Contents.media
Ultima ora