×

Covid, esiste l’85% di probabilità che sia nato da un incidente di laboratorio

Per l'esperto di tecnologia e geopolitica Jamie Metzl c'è una forte possibilità che la pandemia di Covid sia stata causata da un incidente di laboratorio.

covid laboratorio

Esiste al momento l’85% di probabilità che la pandemia di Covid-19 sia esplosa a seguito di un incidente di laboratorio e non tramite il celebre focolaio del mercato del pesce di Wuhan. Questo è quanto dichiara da tempo l’esperto di tecnologia e geopolitica Jamie Weltz, che assieme ad altri scienziato sta cercando di cambiare il punto di vista della comunità scientifica mondiale in merito all’origine del Covid-19.

Weltz ha lavorato al dipartimento di Stato statunitenste sotto il presidente Bill Clinton e come vicedirettore dello staff nella Commissione Affari Esteri del Senato sotto Joe Biden.

Covid, esiste l’85% di probabilità che sia nato da un incidente di laboratorio

Intervistato in merito alla possibilità che il Covid-19 sia stato creato artificialmente in laboratorio, Weltz afferma: “Non possiamo escludere la possibilità di un’origine in natura, è accaduto anche questo in epidemie passate, oltre che incidenti di laboratorio.

Stavolta quest’ultima è l’ipotesi più valida perché sappiamo che il precursore del virus Sars-CoV-2 è stato trovato nei “pipistrelli ferro di cavallo”, che non si trovano a Wuhan, ma lì si trova l’unico istituto cinese di virologia di livello 4, con la più ampia collezione di ricerche sui coronavirus dei pipistrelli; e perché il virus si è manifestato già perfettamente adattato alle cellule umane: in quell’istituto si tenevano ricerche aggressive, con il fine di arrivare a cure e vaccini.

Ritengo altamente improbabile che lavorassero ad un’arma biologica.

Nonostante sia un simpatizzante del Partito Democratico, le posizioni di Weltz sono le stesse dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che spesse volte durante l’ultimo anno dei suo mandato aveva accusato la Cina di aver creato il Covid-19 in laboratorio: “Sono un Democratico, ero un forte critico di Trump, ma la scienza mostra che Pechino mentiva nel dire che il virus provenisse dal mercato di Wuhan. Trump criticava l’Oms e la Cina per compensare il fallimento catastrofico della sua Amministrazione nella crisi, ma ciò non significa che non vada verificata la veridicità di tutte le affermazioni. Fui criticato da altri democratici e da alcuni importanti scienziati che scrissero che l’ipotesi più probabile era l’origine naturale e accusarono chiunque sostenesse il contrario di fomentare teorie complottiste. Ora il mondo si sta svegliando. Dall’anno scorso faccio parte di un gruppo informale di una ventina di esperti. Ci riuniamo regolarmente per cercare la verità. Abbiamo pubblicato tre lettere aperte e crediamo di aver contribuito a cambiare il dibattito mondiale”.

Contents.media
Ultima ora