×

Covid in Cina, risalgono i contagi: 65 nuovi casi in un giorno, mai così tanti da gennaio

In Cina, i contagi Covid stanno risalendo e hanno raggiunto un picco di 65 casi in un giorno, segnando un nuovo record dal mese di gennaio.

Cina

In Cina, i casi di positività al coronavirus stanno nuovamente salendo: nel Paese, infatti, sono stati registrati 65 nuovi contagi nelle ultime 24 ore. Un simile dato non veniva registrato dalla fine del mese di gennaio 2021.

Covid in Cina, risalgono i contagi: 65 nuovi casi in un giorno

In relazione ai dati rilasciati dalla Commissione sanitaria nazionale cinese e riportati dall’agenzia ufficiale Xinhua, in Cina sono emersi 65 nuovi casi di positività al SARS-CoV-2. Il dato, afferente alle ultime 24 ore, comunica che 8 nuovi contagi con trasmissione locale Covid sono stati individuati nello Yunnan mentre altri 57 “casi importanti” sono stati isolati indifferenti aree della Nazione: 41 nello Yunnan; 4 nel Guangdong; 3 a Tianjin, a Shanghai e nello Hubei; uno a Pechino, nel Fujian e nel Sichuan.

I nuovi casi di positività al coronavirus apparsi in Cina rappresentano il dato più alto notificato dal paese dal mese di gennaio 2021. Inoltre, i 65 nuovi casi non includono i soggetti che hanno contratto la malattia in forma asintomatica.

La crescita della curva dei contagi ha allarmato la Cina che sta osservando il fenomeno con intensa preoccupazione.

Covid in Cina, risalgono i contagi: i numeri della pandemia

Per quanto riguarda i dati relativi alla pandemia da SARS-CoV-2, la Cina ha anche comunicato che, nelle ultime 24 ore, non sono state rilevate morti riconducibili al virus.

A partire dall’inizio della pandemia, che ha avuto origine all’inizio del 2020 proprio in Cina, sono stati accertati 92.342 casi di positività e 4.636 vittime del Covid. Il bilancio complessivo è stato diramato dall’agenzia ufficiale Xinhua.

Tra i casi accertati, come già accennato, la Cina non riporta anche i soggetti asintomatici che hanno contratto l’infezione ma soltanto coloro che sono stati contagiati dal virus in forma sintomatica.

Covid in Cina, risalgono i contagi: l’annuncio del vicegovernatore

In Cina, la nuova serie di contagi si è inizialmente sviluppata nello Yunnan ed è cominciata lo scorso 4 luglio 2021, localizzandosi in due piccole città situate al confine tra il Paese e Myanmar, note come Ruili e Longchuan. Le due città sono state travolte da un considerevole aumento dei contagi a partire dal mese di giugno.

A questo proposito, è intervenuto il vicegovernatore della regione Zong Guoying che, nella giornata di domenica 18 luglio, ha diramato un importante annuncio. Il governatore, infatti, ha annunciato la decisione di istituire una “fortezza di ferro” per contrastare la diffusione della circolazione e della trasmissione del SARS-CoV-2 nella zona.

Nel frattempo, la prefettura di Xishuangbanna – che confina per un lungo tratto con il Myanmar – ha incaricato la polizia di allestire posti di blocco su tutte le strade. In questo modo, si procede al controllo e al monitoraggio di tutti veicoli che entrano o escono dal Paese.

Contents.media
Ultima ora