×

Covid, torna l’ombra della zona gialla: quali Regioni potrebbero cambiare colore?

Si fa strada l'ipotesi di una prossima istituzione della zona gialla in alcune Regioni, causa aumento dei contagi e ricoveri. Ecco i territori a rischio

Covid, quali Regioni rischiano la zona gialla?

Al momento nessuna conferma ufficiale da parte del Governo Draghi e dalle Istituzioni, tuttavia è un’ipotesi che diventa ogni giorno sempre più plausibile, quella di una possibile prossima istituzione della zona gialla in alcune Regioni d’Italia, motivata dal crescente aumento dei contagi e del numero dei ricoveri ospedalieri causati da Covid-19.

Ecco quali sono i territori a rischio cambio colore.

Covid Italia, torna l’ipotesi zona gialla per alcune Regioni

In un’Italia completamente in zona bianca, si riaffaccia l’ombra e l’ipotesi della zona gialla per alcuni territori del Paese. L’aumento dei casi da Covid-19, sembrerebbe alimentare le preoccupazioni del Governo di Mario Draghi, il quale starebbe lavorando ad una strategia per attuare interventi tempestivi e provvedimenti efficaci per tempo.

Preoccupano in particolari i dati diffusi da alcune Regioni, in merito all’attuale situazione da Covid-19, dove si assiste ad un incremento dei posti letto occupati (ordinari e di terapia intensiva); dunque secondo gli esperti, il rischio è quello di assistere al ritorno in zona gialla per alcuni territori, già a partire da metà agosto.

Covid, quali Regioni d’Italia rischiano il ritorno in zona gialla?

Secondo i nuovi parametri di controllo del rischio, le Regioni che al momento potrebbero rischiare di tingersi di giallo nelle prossime settimane, potrebbero essere Sicilia, Sardegna, Lazio, Campania e Calabria.

L’ipotesi zona gialla in queste Regioni è resa sempre più possibilmente concreta dal crescente numero di ricoveri. La Sicilia in particolare è la Regione più a rischio, avendo registrato un 8% di ricoveri in area medica e un 5% di ricoveri in terapia intensiva. La Sardegna ha superato la soglia del 4% dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Preoccupa anche il Lazio, che ha registrato il 4% di ricoveri in area medica e poco meno di questa percentuale di ricoveri in rianimazione.

Campania e Calabria non presentano una situazione preoccupante in merito ai dati della diffusione del contagio, quanto piuttosto riguardo ai ricoveri; in Campania i ricoveri hanno raggiunto quasi la percentuale del 5%, mentre in Calabria i posti in area medica sono occupati per più del 6% e per oltre il 3% in terapia intensiva.

Covid, ipotesi zona gialla: i parametri da tenere in considerazione

Anche se l’ipotesi della zona gialla sembra essere tenuta in considerazione dal Governo, è bene chiarire che al momento nessuna delle Regioni d’Italia ha superato i parametri stabiliti per rendere effettivo il passaggio di colore.

Secondo quanto stabiliscono i nuovi parametri di controllo del rischio infatti, le soglie limite relativamente all’incremento dei ricoveri, sono stabilite al 15% dei posti letto occupati in area medica e al 10% in terapia intensiva.

Non resta dunque che attendere i monitoraggi delle prossime settimane, per capire quale sarà il destino delle specifiche Regioni d’Italia, che al momento potenzialmente rischiano un passaggio in zona gialla.

Contents.media
Ultima ora