> > Pisa, bambina venduta per droga: indagati i genitori

Pisa, bambina venduta per droga: indagati i genitori

Pisa bambina venduta per droga

Una bambina di 4 anni è stata ceduta a un vicino di casa pedofilo in cambio di cocaina. Indagati i genitori, che hanno negato le accuse.

Orrore in provincia di Pisa, dove la magistratura sospetta che una bambina di 4 anni sia stata venduta a un vicino di casa pedofilo in cambio di droga.

La polizia ha aperto un’indagine contro i genitori, di 36 e 26 anni, e contro il vicino di casa 45enne. L’identità degli indagati non è stata resa nota dagli inquirenti. Secondo le ipotesi delle forze dell’ordine, la madre e il padre avrebbero ottenuto in cambio dosi di cocaina. I reati contestati, a vario titolo, ai genitori e al vicino di casa sono riduzione in schiavitù, atti sessuali con minori e cessione di cocaina finalizzata al possesso della bambina.

La piccola, insieme a un sorella, vive ora con una famiglia affidataria. Altri due fratelli sono stati invece assegnati a una struttura protetta, in attesa del completamento delle indagini.

Bambina venduta a vicino pedofilo

L’inchiesta è stata aperta nel 2016, quando la madre ha sporto denuncia contro il vicino di casa. La donna sospettava che l’uomo avesse abusato della figlia. Ha raccontato di aver accompagnato la bambina nel suo appartamento, dopo che l’uomo aveva dichiarato di avere dei regali per lei.

L’avrebbe lasciata sola insieme a lui, senza sospettare quanto sarebbe accaduto. Poi, una volta che la figlia è tornata a casa, si è accorta che indossava le mutandine al contrario e si è immediatamente recata alla polizia. Una ricostruzione che, però, non ha convinto gli inquirenti, che hanno subito sospettato proprio della madre. Entrambi i genitori si sono dichiarati innocenti e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.