Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Padova, in ospedale per controlli: muore dopo 20 giorni
Cronaca

Padova, in ospedale per controlli: muore dopo 20 giorni

Un uomo di 43 anni è andato in ospedale per alcuni controlli, ma dopo più di 20 giorni di ricovero e tre trasferimenti è morto.

Un 43enne di Camposanpiero, comune del padovano, è morto in ospedale lunedì 10 dicembre 2018. Ospedale presso il quale era ricoverato da diversi giorni per sottoporsi ad alcuni esami specialistici al cuore. Matteo Zorzi, così si chiamava l’uomo, era giunto presso la struttura sanitaria solo per verificare alcuni episodi di tachicardia, che negli ultimi giorni lo avevano più volte colpito, portandolo a voler approfondire la questione.

Trasferito in tre strutture diverse

Dopo un primo ricovero presso l’ospedale Pietro Cosma di Camposanipero, era stato trasferito al centro trapianti Gallucci. Struttura scelta perchè dodici anni fa Zorzi aveva dovuto sottoposi ad un delicato intervento di trapianto di cuore. Ma da allora, almeno stando a quanto sostengono i familiari, non aveva più avuto nessun problema. Una circostanza che ha quindi portato la famiglia del 43enne a decidere di richiedere una autopsia sul corpo del defunto, per chiarire così le cause dell’improvviso e inatteso decesso.

Famiglia che ora vuole chiarezza

Famiglia che ora vuole avere delle risposte dalla struttura sanitaria.

“ A Camposanpiero non c’è più il reparto di pneumologia, e così hanno trasferito mio fratello a Cittadella”, racconta Andrea Zorzi, il fratello della vittima. “E per Matteo era un problema: per ogni cosa dovevano chiamare Padova. Così al Cosma hanno poi deciso di trasferirlo a Padova”. “Ma”, prosegue, “Appena giunto li, è stato trasportato in rianimazione a causa di un improvviso peggioramento della situazione. Situazione che è continuata a peggiorare, finche, lunedì notte, Zorzi è deceduto.

Una gestione della intera degenza che, almeno secondo la famiglia, necessita ora di essere approfondita, per escludere che l’uomo sia morto a conseguenza di negligenze o imperizie dei medici che lo hanno avuto in cura per tutto questo periodo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche