Meteo, atmosfera impazzita: le conseguenze sull'Italia | Notizie.it
Meteo, atmosfera impazzita: le conseguenze sull’Italia
Cronaca

Meteo, atmosfera impazzita: le conseguenze sull’Italia

strat warming

I meteorologi stanno monitorando il surriscaldamento della stratosfera. Per l'Italia potrebbe essere in arrivo un'ondata di freddo e gelo.

Meteorologi e appassionati stanno riscontrando diverse analogie tra il comportamento dell’atmosfera oggi e quello di una delle più famose ondate di neve e gelo della storia italiana. Il surriscaldamento della stratosfera è controllato con attenzione. Normalmente, infatti, la stratosfera raggiunge i -50 gradi, tuttavia sembra che essa stia registrando valori sopra la media di circa 90 gradi.

Strat warming

Quello che si sta verificando è uno strat-warming, ovvero un surriscaldamento anomalo della stratosfera. Gli effetti di questo fenomeno, però, non sono affatto nuovi. Nel febbraio del 2018, l’Italia fu interessata da ben due ondate di Burian, che ha causato gelo e neve diffusi su diverse regioni del Paese. Non è da escludere, quindi, che una cosa simile possa ricapitare nel corso della prossima stagione invernale.

Il riscaldamento della stratosfera provoca una frattura nel Vortice Polare, ovvero il serbatoio gelido posto sopra il Polo Nord. Lo split del Vortice indirizza una parte del freddo normalmente stazionario alle altissime latitudini, verso l’Europa.

Tuttavia, i modelli fisico-matematici fanno difficoltà a prevedere l’esatta traiettoria dell’aria gelida che potrebbe arrivare sul Mediterraneo, come successe nel Gennaio 1985.

Il sole è freddo

Oltre al surriscaldamento della stratosfera, va detto che il sole, da circa 300 giorni, è freddo, ovvero emette meno energia rispetto alla norma. Secondo alcuni scienziati ciò potrebbe causare veri e propri sconvolgimenti climatici. La situazione è costantemente sotto controllo e per ora i centri meteo prevedono una possibile ondata di freddo verso l’Italia che arriverà con l’inizio del nuovo anno.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche