Castelli Romani, maltrattamenti in asilo: arrestate tre maestre | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Castelli Romani, maltrattamenti in asilo: arrestate tre maestre
Cronaca

Castelli Romani, maltrattamenti in asilo: arrestate tre maestre

Castelli Romani, Maltrattamenti in asilo

Un asilo dei Castelli Romani è finito al centro di un caso di maltrattamenti su bambini. Tre maestre e una collaboratrice sono state arrestate.

I piccoli alunni di un asilo di Roma sono stati picchiati alla testa e insultati. Le telecamere di sorveglianza collocate nelle aule dai Carabinieri hanno ripreso le violenze, portando a galla la vicenda. I Carabinieri di Velletri hanno arrestato le insegnanti, e l’accusa a loro carico è di maltrattamenti su bambini. Messa ai domiciliari anche una collaboratrice della scuola.

Violenze all’asilo

I piccoli avevano tutti tra i tre e i cinque anni e frequentavano un asilo nella zona dei Castelli Romani, alle porte della Capitale. I Carabinieri di Velletri hanno condotto le indagini. I militari, attraverso intercettazioni ambientali e riprese video, hanno individuato quattro persone, tre maestre e una collaboratrice, che strattonavano i bambini, li colpivano alla testa e li insultavano verbalmente. Per il giudice per le indagini preliminari le quattro sono ritenute responsabili di “sopraffazione sistematica perpetrata nella loro attività lavorativa su bimbi dai 3 ai 5 anni”.

Episodi ripetuti

Le immagini e le intercettazioni visionati dagli inquirenti hanno dato modo di scoprire che gli episodi di violenza avvenivano ripetutamente.

Dai video è emerso che le insegnanti strattonavano, colpivano alla testa e insultavano i piccoli alunni quotidianamente. Le sofferenze e le umiliazioni causate ai bambini sono chiaramente incompatibili con le normali condizioni di svolgimento dell’attività scolastica. Per questo motivo le forze dell’ordine hanno arrestato e messo ai domiciliari le donne, tutte di età compresa tra i 55 e i 65 anni.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche