Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Spagna, dà due schiaffi al figlio: mamma condannata al carcere
Cronaca

Spagna, dà due schiaffi al figlio: mamma condannata al carcere

schiaffi

Il figlio di 10 anni fa i capricci. La mamma gli tira due schiaffi e finisce in tribunale, perché l'azione correttiva ha dei limiti.

“Il potere correttivo dei genitori deve essere esercitato in modo moderato e ragionevole” ed ha come limite “l’integrità fisica e morale” del bambino. Con questa motivazione la Corte di Pontevedra, in Galizia (Spagna) ha condannato una mamma a due mesi di carcere. La donna aveva dato due schiaffi al figlio perché si rifiutava di fare la doccia.

Educazione non violenza

La sentenza ha aperto in Spagna un ampio dibattito sui diritti e sui limiti dei genitori nell’educazione dei propri figli. I giudici, in linea con il pubblico ministero, sostengono infatti che l’azione correttiva dei genitori “può essere concepita solo se orientata al beneficio dei figli e finalizzata al raggiungimento della loro istruzione globale“, come riporta elpais.com.

“Il rimprovero a un’eventuale disobbedienza del minore non può mai giustificare l’uso della violenza così come l’imputato ha esercitato” chiarisce infatti la Corte.

Rea di due schiaffi

I fatti contestati risalgono al 20 maggio 2018, a seguito del rifiuto di un bambino di 10 anni di fare la doccia.

Tra madre e figlio sarebbe quindi iniziata una discussione, che si è conclusa quando la donna ha sferrato due ceffoni in faccia al bimbo. Schiaffi che hanno causato al piccolo degli eritemi sulle guance, come riscontrato dal medico, ma che non hanno necessitato di cure.

Non è chiaro come la mamma sia finita in tribunale, e chi l’abbia denunciata. In base alla Convenzione sui diritti dell’infanzia, però, è stata condannata a due mesi di carcere, commutati in servizi socialmente utili poiché incensurata. A far discutere soprattutto il fatto che alla donna le è stato vietato di avvicinarsi al figlio per sei mesi. La donna può ricorrere in appello.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche