Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Omicidio Meredith, Guede dal carcere prende la seconda laurea
Cronaca

Omicidio Meredith, Guede dal carcere prende la seconda laurea

guede
guede

Guede ha sempre negato di aver ucciso Meredith. Dal carcere di Viterbo si dedica ora allo studio e al lavoro.

Rudy Guede è l’ivoriano condannato a 16 anni di reclusione per aver ucciso la studentessa inglese Meredith Kercher a Perugia. Dal carcere di Viterbo, però, ha deciso di discutere una tesi per il conseguimento di una seconda laurea. Inoltre, lavora anche all’esterno del penitenziario. Arrestato dopo pochi giorni dall’omicidio, Guede fu l’unico imputato processato con rito abbreviato.

La seconda laurea

Meredith Kercher è stata uccisa nella notte tra il primo e il due novembre 2007: dopo anni di indagini era stato accusato Rudy Guede. condannato a 16 anni di reclusione, l’ivoriano sta ora studiando per conseguire il secondo titolo di laurea: la sua tesi riguarda la narrazione cinematografica. Il giovane ha da sempre negato l’omicidio della ragazza inglese, nonostante la sua presenza in caso nel momento del delitto. Guede ha già conseguito a pieni voti una prima laurea in Scienze storiche del territorio e della cooperazione internazionale. Ora, inoltre, ha terminato gli studi del secondo ciclo presso Storia e società dell’Università di Roma Tre: la media dei voti finale è di 28.

Il lavoro e i permessi

Oltre a dedicarsi ai suoi studi, Guede ha anche il permesso di lavorare all’esterno del penitenziario, presso la biblioteca del Centro per gli studi criminologici di Viterbo.

Inoltre, grazie alla buona condotta ha potuto usufruire di numerosi permessi che gli hanno dato l’opportunità di tornare a Perugia. A breve, infine, potrebbe chiedere di essere messo in semi-libertà.

Festival di Modena

Infine, in occasione del Festival di Modena non sono state spese parole riguardo il discorso di Amanda Knox. Fa eccezione il commento di Claudio Mariani, direttore dell’area criminologica: “Ogni volta che si parla dei protagonisti di questa brutta storia, sopportano il loro dolore con grande dignità e soprattutto in silenzio”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini 612 Articoli
Classe '98, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Da sempre curiosa e attenta ai fatti di attualità, spera di costruirsi (in futuro) un nome nel giornalismo politico. L'ambizione è quella di lavorare nelle istituzioni europee, ma per ora prosegue gli studi di Comunicazione e Società all'Università di Milano.