×

Stefano Garzilli, ritrovato il 24enne scomparso sui monti Lucretili

Era scomparso domenica 11 agosto 2019. A distanza di tre giorni il ragazzo è stato ritrovato vivo. Era caduto in un crepaccio

stefano garzilli

Per tre (lunghissimi) giorni non c’è stata traccia di Stefano Garzilli, il giovane 24enne che domenica 11 agosto 2019 aveva partecipato a un’escursione con alcuni amici nel bosco di Roccagiovine, sui Monti Lucretili. Il ragazzo è stato ritrovato vivo e vegeto nella giornata di oggi, lunedì 13 agosto 2019. Era caduto in un crepaccio: ha riportato delle fratture a braccia e gambe ma è assolutamente fuori pericolo di vita. Amici e familiari avevano temuto il peggio per Stefano di cui non si avevano notizie da ben 72 ore.

Stefano Garzilli, ritrovato: è vivo

Era l’ultimo della fila, mentre con gli amici attraversava il bosco di Roccagiovine. Tutti si sono accorti tardi del fatto che a un certo punto, Stefano, non fosse più con loro. L’ultimo sms del ragazzo era però parso rassicurante: “ci vediamo alle macchine”, aveva scritto agli amici, consapevole che fosse rimasto un po’ troppo indietro rispetto al resto del gruppo.

Gli amici però lo hanno atteso invano perché Stefano a quel parcheggio non è mai arrivato.

Sono stati prontamente contattati i soccorsi che hanno messo a disposizione tutti i mezzi possibili per condurre le ricerche, nel tentativo di trovare Stefano: il ragazzo è stato trovato cosciente, fuori pericolo di vita ma dolorante. Ha riportato diverse fratture per essere caduto in un crepaccio. Il ragazzo è stato ritrovato intorno alle 15:00 del pomeriggio di martedì 13 agosto 2019. Una vera e propria avventura a 360 gradi per Stefano Garzilli che è finalmente tornato a casa dopo tre giorni interminabili.

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Contatti:
Giorgia Giuliano

Nata a Trinitapoli (BAT), classe 1994, è laureta in "Comunicazione, media e pubblicità" presso la IULM. Collabora con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche