×

Coronavirus, allarme fake news: finti messaggi vocali su WhatsApp

Condividi su Facebook

Su Internet e tramite chat come WhatsApp, sono numerose le fake news diffuse a proposito dell'emergenza coronavirus.

Coronavirus, ascoltare solo notizie vere
Coronavirus, ascoltare solo notizie vere

Il progressivo aumentare dell’epidemia del Coronavirus ha provocato una vera e propria psicosi tra la popolazione, alla ricerca di notizie su come comportarsi che però spesso si rivelano fake news. Molti cercano di capire quali siano i sintomi della malattia, per potersi comportare di conseguenza. Altri, temendo un’improvvisa carestia di beni di prima necessità, sono corsi ai ripari prendendo d’assalto i supermercati. Non manca neppure chi, tramite chat, diffonde la notizia (al momento non confermata) di decessi per coronavirus occultati in provincia di Lodi.

Coronavirus, lotta alle fake news

Nell’epoca di Internet, quando cioè chiunque può avere accesso a qualunque informazione, è facile farsi prendere dal panico. Ancora più facile, poi, è cadere nella trappola delle bufale o degli eccessivi allarmismi. In questo momento circola un audio WhatsApp che inizia con “è una notizia molto importante ma che vogliono tenere nascosta.

Fate girare”. L’audio è seguito poi dall’immancabile bufala.


Tre messaggi hanno contributo a scatenare il panico a Roma e a Peschiera Del Garda. Annunciavano la presenza di persone infette negli ospedali cittadini. Nella Capitale, il Policlinico di Tor Vergata è stato oggetto di due differenti audio dove chi parlava faceva riferimento a fonti ospedaliere dirette. “Lavoro lì e l’ho visto con i miei occhi che c’è stato un caso confermato di Coronavirus anche da noi e uno confermato anche a Frascati”, si sente da una voce maschile. Nel secondo la voce è invece di una donna. Si presentava come sorella di un’infermiera dello stesso ospedale, annunciando anche lei un caso di Covid-19. Il Policlinico ha smentito e ha denunciato i responsabili per procurato allarme.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche