×

Coronavirus, Andrea Crisanti: “Guanti e mascherine anche a casa”

Guanti e mascherine anche all'interno delle proprie abitazioni: il virologo Andrea Crisanti lancia un nuovo appello per contrastare il coronavirus.

coronavirus andrea crisanti
coronavirus andrea crisanti

Il virologo Andrea Crisanti lancia una nuova proposta per combattere il coronavirus: usare guanti e mascherine anche dentro la propria casa. L’appello è lanciato attraverso un’intervista concessa al Corriere della Sera. “Sarà meglio usare mascherine e guanti anche in casa” ha detto il virologo ideatore dei tamponi diffusi in Veneto “e, soprattutto, limitare all’indispensabile l’utilizzo degli ambienti domestici condivisi.

Mi rendo conto del sacrificio ma i risultati del nostro studio sulle probabilità di essere infettati dimostrano chiaramente l’assoluta efficacia della restrizione”.

Lo studio di cui parla Crisanti riguarda il lavoro dell’azienda ospedaliera e dell’università di Padova, in cui il virologo è direttore del dipartimento di Medicina molecolare, e dell’Imperial College di Londra, sotto la guida di Neil Ferguson.

I ricercatori hanno dimostrato che se all’interno della famiglia è presente una persona positiva, i rischi di infezione sono 84 volte superiori rispetto alla norma. Al contrario, se le persone infette rimangono isolate, la capacità di trasmissione del Covid-19 si riduce da 2 a 0,2.

Coronavirus, Andrea Crisanti: “Attenzione a casa”

Crisanti ha poi continuato: “Sarebbe utile andare nelle abitazioni a fare i tamponi quantomeno a tutte le persone che hanno accusato sintomi non gravi.

Controllare poi i familiari e chi è entrato in contatto con i soggetti contagiati. Non solo. Sarebbe molto utile trasferire tutti i positivi in strutture ad hoc”.

LEGGI ANCHE: Tasso di mortalità Coronavirus: i dati per età, sesso e patologie pregresse

Secondo l’esperto virologo Crisanti, infine, le persone non si ammalano tutte nello stesso momento. In ospedale arrivano a grappoli, interi nuclei familiari. Questo significa dover porre molto più attenzione in casa, le quali possono trasformarsi in tanti piccoli focolai di contagio.

“Diciamo che in questo momento sono più protetti i single”, ha concluso.

Contents.media
Ultima ora