×

Oklahoma, donna sposa la figlia: arrestata e condannata

Madre e figlia arrestate nello Stato americano dell’Oklahoma dopo aver contratto un matrimonio incestuoso. Coinvolto un altro figlio della donna.

default featured image 3 1200x900 768x576

Un’agghiacciante vicenda arriva dall’Oklahoma: una donna è stata condannata per aver sposato sua figlia. A scoprire il legame biologico tra le due, era stata la polizia insieme ai servizi sociali dello Stato USA. Si era poi scoperto che la donna aveva precedentemente sposato anche un altro figlio.

L’incesto è punito con il carcere in Oklahoma, sebbene in questo caso non vi siano stati rapporti sessuali. In manette erano finite Patricia Ann Spann, 43 anni, e la figlia Misty Velvet Down Spann, 25, ma la condanna è arrivata solo per l’altra, perchè la Brown Spann ha sostenuto che la madre l’aveva costretta a sposarla con l’inganno.

L’indagine

La scoperta del legame biologico tra la donna e la ragazza era avvenuta grazie ad un’indagine congiunta tra polizia e assistenti sociali dell’Oklahoma sul benessere dei bambini e analizzando proprio il caso del matrimonio omosessuale tra la Spann e la Down Spann, era emerso che le “spose”, erano nientemeno che madre e figlia.

Madre e figlia2

La storia

Patricia Ann Spann aveva perso da anni la potestà genitoriale nei confronti dei tre figli, che erano stati affidati ai nonni paterni, e non aveva quasi più avuto contatti con loro.

Poi, due anni fa, è avvenuto l’incontro con Misty.

La madre

In seguito era emerso che nel 2008 la Spann aveva sposato anche un altro figlio, Jody Sann jr, il quale solo successivamente, 15 mesi più tardi, aveva scoperto di aver sposato sua madre e aveva quindi chiesto il divorzio accusando la donna di incesto.

In ogni caso non venne aperta nessun’inchiesta nè tanto meno nessun procedimento giudiziario a carico di Patricia Ann.

Pare che ancora oggi la donna ritenga di non aver fatto nulla di male, avendo sposato sua figlia, poichè sul certificato di nascita della ragazza non c’era scritto il proprio cognome. L’illecito era stato scoperto quando le autorità vennero in possesso di altri due documenti: uno con la firma della nonna affidataria e l’altro con la firma della madre, che poi era anche la sposa di Misty Down Spann.

Dal canto suo quest’ultima, nell’ottobre scorso, ha fatto annullare il matrimonio con la madre, sostenendo di essere stata costretta a sposarla con l’inganno – un po’ come era accaduto al fratello 9 anni prima -.

Patricia Ann Spann è stata condannata a due anni di reclusione, più otto di libertà vigilata, più l’obbligo, a fine pena in carcere, di registrarsi presso la polizia come molestatrice sessuale.

Contents.media
Ultima ora