×

Belle, morta a 10 anni: stava aspettando il trapianto di polmoni

Non ce l'ha fatta la piccola Belle Curran, che da anni combatteva contro una malattia ai polmoni.

belle curran

Belle Curran ha perso la sua battaglia contro la malattia, che andava avanti da quando aveva solo due anni. Grazie ad alcune campagne, erano stati raccolti quasi 35 mila euro per le sue cure. Lei stessa ha chiesto alla madre di donarli ad associazioni di beneficenza.

La sua è stata una battaglia coraggiosa, contro una cosa molto più grande di lei, che alla fine l’ha sconfitta. “Amava il colore rosa, giocare con le amiche e guardare il suo programma preferito, Masterchef” ha detto la madre.

Ha perso la sua battaglia

La piccola Belle non ce l’ha fatta. Ad annunciare la morte della bimba è stata a famiglia, attraverso Facebook: “La nostra coraggiosa Belle ha perso tristemente la sua lotta ed è morta il 5 aprile.

Grazie mille per il vostro amore, la vostra gentilezza e il vostro sostegno”. Per le sue cure erano stati raccolti oltre 35 mila euro, che la stessa bimba ha deciso di devolvere a cinque diverse associazioni benefiche. Belle si era ammalata quando aveva solo due anni, e da quel momento non ha mai smesso di combattere. I suoi polmoni erano rigidi e duri, e non spugnosi come dovevano essere. Belle faticava a respirare e aveva quindi bisogno di una maschera che le fornisse ossigeno, oltre che di una sedia a rotelle per muoversi.

post facebook belle

Era in attesa del trapianto

La bambina era in attesa di un doppio trapianto polmonare. “Si svegliava ogni mattina sperando che un donatore fosse diventato disponibile, pur sapendo che se ciò fosse accaduto, un’altra famiglia avrebbe perso un figlio” ha detto la madre. Belle era stata infatti inserita nella lista d’emergenza per il trapianto di polmoni al Great Ormond Street Hospital di Londra. In suo favore sono state organizzate tantissime raccolte fondi. “Non ci sono parole da esprimere, a parte ringraziarti per averci permesso di essere parte della tua vita” ha detto la madre in suo ricordo.

Contents.media
Ultima ora