Il consiglio di Renzo Piano per la ricostruzione di Notre-Dame | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Renzo Piano, ricostruzione Notre-Dame: “Il Legno è una buona idea”
Esteri

Renzo Piano, ricostruzione Notre-Dame: “Il Legno è una buona idea”

Renzo Piano
Renzo Piano

"Sono cose lunghe e al momento mi è difficile fare una valutazione. Ma non serviranno decenni”, ha commentato l'architetto Renzo Piano

Dopo 48 ore dall’incendio che ha devastato buona parte della cattedrale di Notre-Dame de Paris, si comincia ad affrontare il problema della ricostruzione. Il presidente francese, Emmanuel Macron, assicura ai suoi cittadini che la struttura verrà ricostruita “entro 5 anni, ancora più bella”. Anche il celebre architetto italiano, Renzo Piano, ha detto la sua sui lavori per rimettere a nuovo l’immensa e suggestiva bellezza del simbolo parigino.

Renzo Piano su Notre-Dame

Italia e molti altri paesi del mondo hanno offerto contributi economici alla Francia. Attivate anche campagne di crowdfunding. Non sono mancate proposte di aiuto da parte di sindaci e architetti. Tra questi, fondamentale il consiglio di Renzo Piano, senatore a vita italiano e uno degli architetti più importanti di tutto il mondo.

Piano, intervistato dal Corriere della Sera, ha detto la sua sul disastro di Notre-Dame e sulla successiva ricostruzione. “Sono cose lunghe e al momento mi è difficile fare una valutazione.

Ma non serviranno decenni”, ha precisato.

“Si tratta di ricostruire il tetto, cioè una parte che non è nemmeno visibile, che sta sopra la volta di pietra. Ma non si potranno rimettere 500 tonnellate di rovere e 200 di piombo. Dovrà esserci continuità stilistica e storica con la struttura preesistente”, ha spiegato.

Secondo l’architetto, la cattedrale dovrà essere obbligatoriamente più leggera. “Le querce si trovano ancora, anche se non saranno del ‘200 o del ‘300. La Francia è ricca di foreste, usare il legno è un gesto intelligente, anche dal punto di vista ecologico”, consiglia l’architetto, il quale ha assicurato che le strutture in legno non sono più pericolose delle altre: “È più facile che brucino con legno antichissimo, quando non è trattato in maniera ignifuga. Il legno brucia lentamente, c’è voluto del tempo prima che la cuspide di Notre Dame cadesse”.

Tuttavia, non è mancata la critica da parte di Piano: “Bisogna smetterla di parlare di fatalità, perché gli incidenti sui cantieri non sono fatalità, si possono evitare.

Quello che è successo a Notre-Dame è una cosa drammatica nei confronti di un grandissimo monumento che ha un fortissimo valore simbolico, non solo religioso. Non ci sono state vittime umane, ma è pur sempre una cosa drammatica e le tragedie si possono evitare”.

“I vigili del fuoco sono stati molto bravi, hanno operato con perizia, i loro getti d’acqua spegnevano le fiamme ma raffreddavano le pietre, questo ha impedito che crollassero”. Così Piano ha concluso la sua spiegazione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 1448 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.