> > Il fondatore di Richer Sounds ha lasciato l'azienda ai suoi dipendenti

Il fondatore di Richer Sounds ha lasciato l'azienda ai suoi dipendenti

richer sounds

Julian Richer ha deciso di regalare l'azienda ai dipendenti: il fondatore di Richer Sounds lascia l'incarico a 60 anni.

Richer Sounds passa ai dipendenti.

Julian Richer, fondatore e proprietario della catena di negozi di prodotti elettronici presente in 53 punti vendita in Gran Bretagna, ha deciso di andare in pensione, all’età di 60 anni. L’imprenditore inglese ha lasciato l’azienda, che fattura 200 milioni di sterline ogni anno, ai suoi dipendenti. Ha voluto premiarli per l’ottimo lavoro svolto per tutto questo tempo.

L’eredità di Richer Sounds

“Il successo si costruisce puntando sul gruppo.

Se abbiamo ottenuto buoni risultati lo devo a ogni magazziniere, a ogni commesso, a ogni ingegnere”. Così Julian Richer ha spiegato la sua decisione di regalare l’azienda ai suoi dipendenti. Nel suo libro-biografia A richer way ha raccontato nei dettagli questa sua filosofia. Secondo quanto sostiene, i dipendenti devono essere soddisfatti, ben pagati e coinvolti nelle decisioni, se si vuole mantenere a lungo il successo dell’azienda. Perciò l’imprenditore ha deciso che il 60% delle azioni andrà a loro: le 531 persone che lavorano per lui.

In questo modo diventeranno proprietari a tutti gli effetti. Inoltre ognuno di loro avrà un bonus di 1.000 sterline per ogni anno di attività. Ci sono poi 39 dipendenti che avranno un regalo speciale. I fedelissimi, che lavorano con lui da più di 20 anni, riceveranno una somma ancora più sostanziosa. “Credo che sia giusto farlo adesso, psicologicamente lasciare proprietà e timone ad altri è importante, dopotutto sono stato molto fortunato e corro da 40 anni”.

Richer ha deciso di lasciare il suo incarico pur avendo compiuto da poco sessant’anni: non avendo figli, gli è sembrato giusto che gli toccasse occuparsene ora. Non è il primo a prendere questa decisione: 350 società in Gran Bretagna hanno fatto lo stesso in passato, tra cui la John Lewis Partnership nel 1929.