> > 12enne uccide l'amica di 9 anni dopo averla violentata

12enne uccide l'amica di 9 anni dopo averla violentata

violenza

Una bimba brasiliana di 9 anni che soffriva di autismo è stata violentata e uccisa da un bambino di 12 anni.

A soli 12 anni ha rapito, violentato e ucciso una bambina di 9 anni.

Il cadavere di Raíssa Caparelli, che soffriva di autismo, è stato ritrovato in un bosco vicino casa sua in Brasile, con chiari segni di violenza sessuale e di strangolamento. Il 12enne ha confessato alla polizia locale il crimine atroce che ha commesso, pur non rivelando il movente.

La morte della bambina

Raíssa Caparelli, era scomparsa domenica 29 settembre mentre partecipava a un evento di beneficenza insieme alla sua famiglia all’Unified Educational Center (CEU) di Anhanguera, un sobborgo di San Paolo.

La bambina, che soffriva di autismo, è stata ritrovata legata a un albero in un parco cittadino qualche giorno dopo la sua scomparsa. Secondo la ricostruzione delle autorità, è stata rapita, poi immobilizzata, violentata ed infine uccisa. Il delitto atroce è stato compiuto da un bambino di appena 12 anni. Le telecamere di sicurezza lo hanno immortalato mentre la conduce verso il bosco. Quando è stato convocato in caserma, dopo un lungo interrogatorio, ha confessato tutto.

Il movente del 12enne

Il sovrintendente capo della polizia Eduardo Marturano – responsabile del dipartimento di San Paolo per i crimini contro i bambini (DHPP) – ha rivelato che le lesioni alla faccia della bambina erano così gravi che è stata difficile perfino la sua identificazione. Sul corpo della vittima erano presenti ferite brutali alle spalle, al corpo e alle gambe oltre a segni di violenza sessuale. Non si conosce ancora il motivo che ha spinto il bimbo di 12 anni a questo folle gesto.