×

India, centinaia di persone ricoverate per malattia non identificata

Malattia non identificata in India: più di 100 persone ad Eluru con nausea e convulsioni.

India malattia non identificata

C’è allerta in India per l’insorgere di una malattia non identificata che ha colpito diversi soggetti nello scorso fine settimana a Eluru, città dello stato meridionale dell’Andhra Pradesh. Nello specifico una persona è morta e un centinaio sono state ricoverate in ospedale.

I sintomi, stando a quanto riportato dalle autorità sanitarie locali, sono nausea, convulsioni e perdita di coscienza. “Le persone che si ammalano, soprattutto i bambini, cominciano improvvisamente a vomitare dopo essersi lamentati di avere gli occhi che bruciano”, queste le parole dette da un medico dell’Eluru Government Hospital all’Indian Express.

India, nuova malattia non identificata

In molti, compreso il leader dell’opposizione in Andhra Pradesh, Chandrababu Naidu, hanno dato la colpa dell’accaduto all’acqua contaminata e chiesto che venga dichiarato lo stato di emergenza sanitaria nazionale.

L’ipotesi è stata però smentita dal ministro della Salute dell’Andhra Pradesh, Alla Nani, che ha riferito di controlli effettuati alle fonti d’acqua della zona e ammesso la totale assenza di inquinamento o altre irregolarità.

A margine viene inoltre data notizia che tutti i pazienti di Eluru sono risultati negativi al coronavirus, dunque non ci sarebbe nessuna correlazione con il virus che al momento sta interessando il mondo intero. Si sottolinea però che lo Andhra Pradesh è stato uno dei territori più colpiti dall’emergenza covid in India con oltre 800mila casi da inizio della pandemia.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora