Facebook "spoiler": scoperti i nomi della Commissione di Maturità
Facebook “spoiler”: scoperti i nomi della Commissione di Maturità
News

Facebook “spoiler”: scoperti i nomi della Commissione di Maturità

Logo di Facebook, il social network usato per spoilerare i nomi dei commissari esterni della Maturità 2016
Logo di Facebook, il social network usato per spoilerare i nomi dei commissari esterni della Maturità 2016

Facebook sarebbe stata l’arma tramite cui, un cospicuo gruppo di maturandi, avrebbe scoperto i nomi dei commissari esterni della Maturità 2016.

Come ogni anno, i maturandi aspettano di scoprire chi saranno i membri esterni della propria Commissione d’Esame, di modo da indagare vita, morte e miracoli delle persone che si troveranno davanti. Questa volta però, grazie a Facebook, il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) è stato preceduto: la maggior parte dei maturandi infatti, alle ore 10 del 7 Giugno, sarebbe già stato a conoscenza dei membri esterni della Commissione.

Facciamo chiarezza. Ogni anno il MIUR si preoccupa di divulgare, tramite il proprio sito, la lista dei commissari esterni. Peccato però che, complici le nuove tecnologie e la viralità di un Social Network come Facebook, la lista dei nomi di quest’anno sia diventata nota ai più ancora prima che il MIUR aggiornasse il sito.

Ma come è stata possibile una tale fuga di notizie? Skuola.Net, un sito dedicato al mondo degli studenti, ha condotto un’indagine per capire come funziona questo “tam tam” virtuale, portando alla luce che il 58% degli studenti intervistati in merito alla fuga di notizie ha rivelato di aver intenzionalmente cercato online i nomi dei commissari esterni di modo da presentarsi preparati psicologicamente a un così cruciale appuntamento come l’esame di maturità.

All’interno di questo 58%, il 29% degli intervistati ha inoltre dichiarato che preferisci spulciare i social come Facebook per le proprie indagini mentre “solo” il 18% concentra le proprie ricerche sulle migliaia di siti web dedicati agli studenti.

Skuola.Net ha inoltre dichiarato, dati alla mano, che durante la serata di Lunedì 6 Giugno erano migliaia gli utenti che si erano registrati sui gruppi spotted Facebook per cercare di carpire i nomi dei commissari esterni della propria città: il boom di iscritti si è verificato a Roma, Napoli e Torino.

Chiude la classifica degli investigatori virtuali un misero 9% che confida a Skuola.Net di preferire il passaparola su WhatsApp per conoscere le informazioni relative alle proprie carriere scolastiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche