×

Gatti, ippopotami ed altri animali, ecco come li colpisce covid: “Non coccolateli se siete malati”

Gatti, ippopotami ed altri animali, come li colpisce covid e cosa dovremmo fare per mettere al sicuro noi e loro: “Non coccolateli se siete malati”

Meglio evitare moine con i nostri amici pelosi se si è positivi al Covid

Gatti, ippopotami ed altri animali hanno ormai palesato la loro capacità di infettarsi con il covid, ecco come li colpisce il virus ed il consiglio più importante per quelli domestici: “Non coccolateli se siete malati”. Il consiglio arriva da Rebecca Fisher, epidemiologa della A&M University del Texas

Covid e animali, il consiglio dell’esperta texana: “Non coccolateli se siete malati”

In un approfondimento del Guardian la scienziata spiega di “non coccolarli troppo se siete malati o convalescenti”. E ancora: “Dobbiamo fare del nostro meglio per proteggerli, come faremmo con i bambini. Ciò di cui siamo veramente preoccupati  è il passaggio avanti e indietro tra umani e animali, e ad altri animali, in un ambiente in cui la popolazione umana potrebbe essere colpita”. Insomma, fra gorilla, ippopotami, criceti, gatti e in alcuni rari casi anche cani esiste anche un alert covid per gli animali

“Non coccolateli se siete malati”: il covid sta colpendo una grande varietà di animali, anche domestici

E i casi sono ormai svariati e su un range di specie diverse: grandi felini, giraffe, pinnipedi e primati. Il dato è talmente empirico che gl zoo di tutto il mondo stanno “vaccinando” i loro animali con farmaci sperimentali. Ultimamente ad esempio due ippopotami dello zoo di Anversa hanno avuto sintomi lievi, ma tre rari leopardi delle nevi sono stati uccisi dalla forma severa del virus in Nebraska. In California i gorilla hanno preso un forte raffreddore ma i criceti vengono uccisi spesso dal Covid.

Insomma, il dato è che il coronavirus tende a colpire molti animali ed a usarne moltissimi come potenziale trampolino per mutazioni e “salto” di specie, come accaduto con i pipistrelli. E il dato scientifico è che specie con i mammiferi è l’uomo il potenziale agente di trasmissione del contagio. 

Animali a rischio di contagio covid dall’uomo e virus che li usa per mutare: “Non coccolateli se siete malati”

Ecco perché nel caso di animali domestici o da lavoro resta ferma la condotta di non interagire con loro se si è positivi: perché li si potrebbe far ammalare, addirittura uccidere o quanto meno si potrebbe incentivare una diffusione con cui il coronavirus cerca altre “vie” di affermazione biologica.

Lo spiega bene Margaret Hosie, docente di virologia comparata all’università di Glasgow, nel Regno Unito: “Noi ci concentriamo per sradicare il virus dagli esseri umani, ma in questo momento il virus potrebbe star mutando in silenzio in altre specie animali diventando sempre più ingestibile”.

Contents.media
Ultima ora