×

Gustavo Adolfo Rol: la storia del sensitivo e maestro spirituale italiano

Gustavo Adolfo Rol sensitivo e maestro spirituale italiano. Possedeva svariati poteri paranormali. Li metteva sempre a disposizione del prossimo

maxresdefault 1 768x432

Gustavo Adolfo Rol

Gustavo Adolfo Rol: la storia del sensitivo e maestro spirituale italiano

Era un maestro spirituale illuminato vissuto in Italia nel XX secolo. Di orientamento cristiano cattolico era dotato di numerosi poteri paranormali. Questi poteri venivano definiti da lui “possibilità”. Plurilaureato, di famiglia benestante aveva una cultura enciclopedica. Era un amante delle arti, suonava il pianoforte ed il violino. Era un antiquario ed un pittore, negli anni della gioventù aveva lavorato in banca. Conobbe parecchi personaggi famosi ma anche molte persone di tutte le estrazioni sociali.

Mise i suoi poteri al servizio del prossimo sempre. Mentre era in vita non venne mai verificato nulla da un punto di vista scientifico. Si oppose lo stesso Rol che ha sempre affermato che i suoi prodigi non si potevano eseguire a comando e non erano ripetibili.

Poteri

I vari fenomeni potevano essere di chiaroveggenza, telepatia, telecinesi, potere di guarigione ecc. Sono tantissimi e su di lui si esprimevano o in maniera spontanea o attraverso esperimenti.

Per quanto riguarda la spontaneità Rol poteva tranquillamente fermare una persona per strada e dirgli di non fare una determinata cosa, di non vedere una determinata persona. Gli esperimenti invece li teneva o a casa propria o a casa di altri. Questi esperimenti erano standard e codificati. Venivano ripetuti sempre gli stessi schemi che potevano essere controllati dai presenti. In alcuni di questi esperimenti si materializzavano oggetti nelle stanze della casa scelte dai presenti.

Quando nascono le “possibilità”

Gustavo Adolfo Rol: la storia del sensitivo e maestro spirituale italiano

Da piccolo è stato un bambino introverso , intuitivo e sensibile. Queste sue qualità lo hanno predisposto ad un’osservazione della realtà e di se. Riuscì a percepire l’esistenza di una dimensione più complessa di quella umana e superiore. Qualificata nel tempo come dimensione spirituale. All’età di 22 anni la curiosità mista alla testardaggine e alla sua aspirazione mistica e razionale lo portò a pensare di poter indovinare il colore di una carta da gioco senza vederla. Questa sfida iniziò per caso ma dopo due anni riuscì ad individuare tutte le 52 carte del mazzo. Da questo momento in avanti sviluppò tutte le sue possibilità.

Pensiero

La teologia di Rol si può classificare come animismo antropocentrico. Animismo per Rol ogni cosa ha il proprio spirito. Antropocentrico per Rol l’uomo e solo per lui c’è una dualità animistica. L’uomo oltre all’anima ha anche uno spirito intelligente. L’anima dopo la morte torna a Dio mentre lo spirito continua sulla terra la sua presenza. Lo definisce intelligente perchè questo spirito ha una coscienza ed una capacità creativa. le altre cose tutto questo non lo hanno. Lui affermava di poter entrare in contatto con questi spiriti e di poterli far partecipare ai suoi esperimenti. Durante gli esperimenti lui interagiva con loro quasi fosse pilotato da un impulso ignoto. Secondo lui “l’universo è permeato di etere psichico e la chiaroveggenza e la telepatia sono delle onde di questo etere. Una forma psichica un tempo creò l’universo ed è in grado di generare la materia e di dissolverla formando gli atomi e disgergandoli”. Questa energia immateriale si manifesta sotto forma di fenomeni che sfuggono alle nostre leggi.

Contents.media
Ultima ora