In fin di vita Pasquale Carlino, giovane promessa dell'Inter
In fin di vita Pasquale Carlino, giovane promessa dell’Inter
News

In fin di vita Pasquale Carlino, giovane promessa dell’Inter

In fin di vita Pasquale Carlino, giovane promessa dell'Inter

Sono gravi le condizioni di Pasquale Carlino. Coinvolto in un incidente stradale in Campania, il ragazzo ora lotta tra la vita e la morte.

Sono gravi le condizioni di Pasquale Carlino. La sera di sabato 14 luglio 2018, a Santa Maria la Carità, in Campania, il ragazzo è stato coinvolto in un incidente stradale. Le dinamiche sono ancora da chiarire, ma secondo una prima ricostruzione degli agenti la giovane promessa dell’Inter sarebbe sbandata con la moto su cui viaggiava insieme a un amico. Il mezzo si sarebbe schiantato poi su una vettura e ha riportare le ferite più gravi è stato proprio Pasquale. Unanime il sostegno delle principali squadre lombarde: oltre all’Inter, anche il Milan fa gli auguri al giovane calciatore per vincere la sua battaglia.

La battaglia di un campione

“Avevo un sogno come tutti gli altri, era non finire come tutti quanti!“, la scritta sull’immagine di copertina del profilo Facebook di Pasquale Carlino non lascia dubbi. Lui ha 16 anni e vanta nel suo curriculum una qualifica che in pochi possono sfoggiare, ma che tutti sognano di avere: essere trequartista della squadra under 17 di Fc Inter.

Un campione come pochi, che dalla sera di sabato 14 luglio 2018 sta combattendo la sua partita più importante.

Gli agenti stanno ancora svolgendo degli accertamenti, ma quello che le autorità hanno dedotto finora è che la moto su cui la promessa dell’Inter viaggiava a un certo punto ha sbandato per andare poi a schiantarsi contro un automobile parcheggiata. Alla guida del mezzo c’era un amico di Pasquale, di 18 anni. Lui non ha riportato ferite gravi, mentre stando a quanto riferito dal personale medico, il peggio lo ha avuto il giovane calciatore: trauma cranico e un’emorragia cerebrale. Il ragazzo è ricoverato all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove sta lottando tra la vita e la morte. Intanto, per l’amico diciottenne è stata sporta denuncia, perché – come riportato anche dal Corriere della sera – secondo gli agenti non avrebbe potuto guidare quella moto di grossa cilindrata, né trasportare passeggeri.

“Lotta per vincere”

La vicinanza degli amanti del calcio si è fatta subito sentire, a partire dalla squadra che lo ha scoperto, l’Inter, ma anche dall’eterna rivale, il Milan: “Forza Pasquale, tutta l’Inter è con te”, scrive la prima, “Il nostro pensiero va a Pasquale Carlino, giovane centrocampista del Settore Giovanile dell’Inter: non mollare!” tifa la seconda su Twitter.

Entrambi i tweet hanno avuto una risonanza di ampio raggio, con 3 mila Mi piace e 804 retweet per l’Inter e 1600 Mi piace e 341 retweet per il Milan.

Su Facebook poi fioccano i commenti di incoraggiamento sotto il profilo di Pasquale, sia da amanti del calcio, sia da persone che hanno comunque voluto dare il loro sostegno al ragazzo: “La vita è strana.

A volte si affrontano partite più difficili di altre! A volte ci si trova sotto 2-0,a volte ci si ritrova in inferiorità numerica. Ma nel calcio si sa nulla è impossibile,così come nella vita! Lotta ragazzo fino al 90esimo. Faccio il tifo per te“, scrive un utente, “Non ti conosco ma sono qui per dirti di lottare più che puoi”, scrive un’iscritta sotto l’immagine di copertina del ragazzo. “Tu hai già vinto ora vinci la battaglia più importante che siamo tutti ad aspettarti”, incoraggia una ragazza napoletana, come Pasquale, forse conoscente della giovane stella dell’Inter.

Pasquale Carlino, 16 anni, trequartista della squadra under 17 dell’Inter non poteva chiedere un tifo migliore.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Danneo
Andrea Danneo 68 Articoli
Palermitano di nascita, milanese acquisito, ho iniziato a scrivere di Rugby e di Basket sul web. Dopo una bella esperienza in un sito di informazione locale, mi sono laureato in Lettere moderne a Milano e ho concluso la mia formazione alla scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica. Lettore di libri incallito, inseguo il sogno di raccontare le piccole e grandi storie, sia in forma scritta, sia in video.