×

Individuata la specie di scimmia che in Tanzania ha ucciso un bambino

Dopo il terribile episodio avvenuto in un villaggio vicino al parco è stata individuata la specie di scimmia che in Tanzania ha ucciso un bambino

Un babbuino "oliva"

Individuata la specie di scimmia che pochi giorni fa in Africa, precisamente in Tanzania ha ucciso un bambino. Sarebbe stato un “babbuino oliva”, come riporta la Bbc, a rapire ed uccidere un bambino di pochi mesi in una zona vicina al parco naturale di Gombe, in Tanzania, lo dicono le prime risultanze delle indagini effettuate dopo il terribile episodio. 

La scimmia che in Tanzania ha ucciso un bambino

Tre giorni fa la scimmia aveva fatto irruzione in un villaggio e dopo essere entrata con altri esemplari nella stanza dove una donna allattava il suo piccolo glie lo aveva strappato dalle braccia ed era fuggita. Poi, nel mezzo dell’inseguimento da parte della madre e di diverse persone, aveva morso il neonato alla testa ed al collo con violenza e gli aveva inferto ferite rivelatesi mortali. Dal canto suo il comandante regionale di Kigoma, James Manyama, ha detto che il bambino è morto dopo che gli abitanti del villaggio hanno cercato di usare la forza per salvarlo. 

Il funzionario di polizia: “Mai visto niente di simile”

Il signor Manyama ha spiegato che il bambino è stato ferito in maniera severa e in seguito “è morto mentre stava ricevendo cure”. In queste ore successive alla terribile tragedia la polizia ha esortato i cittadini a “continuare a vigilare contro le scimmie che attraversano il parco nazionale”. Tuttavia Manyama ha detto alla BBC che nei suoi tre anni di lavoro nella zona non aveva “mai sentito parlare di un incidente simile.

Sono stati noti incidenti di animali selvatici più grandi come gli elefanti, che hanno invaso la terra coltivata dei villaggi vicino ai parchi nazionali e hanno provocato alcune morti reagendo al tentativo di cacciarli dai campi, ma che una scimmia arrivasse a predare intenzionalmente cuccioli di uomo non lo avevo mai visto prima”.

Contents.media
Ultima ora