×

Indonesia: tre ragazze musulmane formano band metal

Oggi ti presentiamo un trio musicale di ragazze musulmane formatesi in Indonesia e che fanno parte di una band metal. Conosciamole insieme.

Nel 2014, in Indonesia si è formato un gruppo metal molto speciale. I componenti sono tre giovani ragazze musulmane i cui nomi sono Firdda Kurnia, Eusi Siti Aisyah e Widi Ramawhati. Sono un trio musicale, tre giovani che hanno fatto parlare di sé, soprattutto a West Java, l’area in cui le tre giovani risiedono. Le tre giovani musiciste e studentesse portano il nijab, il tipico copricapo musulmano e si sono esibite più volte ottenendo grande successo e consensi.

Il messaggio delle Vob

Le tre giovani ragazze con la passione della musica e con le loro performance vogliono mandare un messaggio a molte loro coetanee che vivono la loro stessa condizione.

“Vogliamo ricordare alle nostre coetanee che vivono in Indonesia che non devono temere di essere diverse e non dovrebbero essere spaventate nel reclamare la propria indipendenza”.

Sono queste le parole di Firdda, colei che ha deciso di fondare il gruppo e colei che canta e suona la chitarra.

14079836_929516070525889_5544325178416131221_n

Con questo trio musicale che hanno deciso di formare vorrebbero eliminare anche alcuni tabù che caratterizzano le donne musulmane ed esprimere la loro creatività e originalità. Firdda, la cantante e la mente del gruppo, vorrebbe far capire che è normale per una ragazza musulmana ascoltare la musica e suonare la musica, ma questo non vuol dire rinnegare e non rispettare la propria religione.

Vob, il trio

Il genere delle Vob, il gruppo delle tre ragazze, è un genere metal e prendono spunto da gruppi quali Rage against the machine, Slipknot, Lamb of God, ovvero i gruppi musicali preferiti da Firdda. Il trio musicale ha registrato e inciso molte cover di questi gruppi da loro amati e che suonano nei vari locali e luoghi in cui si esibiscono.

Il nome del gruppo di queste tre giovani è Vob, l’acronimo di Voice of bracepot. Il termine vob, scelto dalle giovani per il nome del gruppo, significa rumoroso nel linguaggio sudanese. Il nome del gruppo è stato scelto dalla loro insegnante di musica, ovvero Erza Satia, diventata poi la loro manager.

L’insegnante spiega che il genere metal è utile e considerato costruttivo per i suoi alunni in quanto li aiuta a tenerli lontani da cattive abitudini come il consumo di droga. Inoltre, l’insegnante ci tiene a esprimere un parere sulla musica metal, considerata spesso satanica.

“Molta gente pensa che la musica metal sia satanica, ma noi vogliamo dimostrare che la si può guardare anche da un’altra prospettiva”. Secondo l’insegnante, bisogna essere aperti anche a questo genere di musica, perché può insegnare e dare molto.

Purtroppo, non tutti sono concordi nella scelta delle giovani di suonare. I familiari delle ragazze non accettano che le loro figlie si dedichino alla musica e non sono contenti. Inoltre, nei loro concerti sono state spesso attaccate e contestate da dei gruppi estremisti religiosi. Nonostante le polemiche, il trio non si lascia demordere e continua a esibirsi. Sui social sono famosissime e le loro performance ottengono sempre tantissime visualizzazioni nei vari canali social.

13254576_866915473452616_9061488093567714074_n

Amo leggere, il tè e Parigi è la mia casa da sempre e per sempre.


Contatti:

Contatti:
Simona Bernini

Amo leggere, il tè e Parigi è la mia casa da sempre e per sempre.

Leggi anche