Isole abbandonate e deserte: le più belle su cui naufragare
Isole abbandonate e deserte: le più belle su cui naufragare
Viaggi

Isole abbandonate e deserte: le più belle su cui naufragare

isole

Ecco un piccolo elenco di isole deserte o abbandonate su cui sarebbe piacevole naufragare, da soli o in compagnia

Quanti di noi vorrebbero naufragare in isole deserte? Dite la verità, molte volte diciamo di lasciare tutto e di andare via. Dallo stress, dalle problematiche lavorative, insomma prenderci una pausa di assoluto riposo, dove dimenticare tutto e rigenerarsi, ritrovando finalmente noi stessi. Oppure trovare un angolo sperduto e segreto in cui provare l’ebbrezza dell’avventura? In un’epoca in cui i viaggi sono accessibili a tutti, o quasi, i mezzi di trasporto ci facilitano, sarà ancora possibile esaudire questo desiderio? Che ne dite di vedere insieme i possibili paradisi terrestri, incontaminati e ricchi di benessere sia per il corpo che per lo spirito?

Isola di Henderson

henderson5

Molto lontano da noi, esiste un luogo sperduto, l’isola di Henderson. E’ una delle isole Pitcaim, si trova nella parte meridionale dell’Oceano Pacifico. Non è esattamente abitabile, per le scogliere che cadono a picco sul mare. Inoltre mancano fonti d’acqua, ma la privacy è assicurata.

Pochi campeggiatori e turisti ne fanno la loro meta, ma le specie volatili, di ben 4 tipi diverse la rendono unica.

2954-1

Purtroppo la carenza di acqua annovera l’isola di Henderson, tra le isole più inquinate conosciute. Essa viene chiamata anche l’isola di plastica. I granchi giganti si riparano nella plastica, il “vortice del Pacifico meridionale” è conosciuto da tempo. Fino ad ora però non erano stati realizzati studi approfonditi, per scoprire dove finisse parte dei rifiuti. Un paradiso naturale, trasformato in una delle isole più inquinate. Per rimanere da soli però sarebbe l’ideale, la sua bellezza è ancora intatta, nonostante la plastica.

http_o.aolcdn.comhssstoragemidas2781927414fbf1b90aba9172c7c7cfa7205272531henderson2

Isola di Alabra

A Robinson sicuramente sarebbe piaciuta quest’isola, dispersa in in angolo delle Seychelles, nell’oceano indiano. Si tratta del secondo più grande atollo corallino al mondo, il suo nome è Aldabra.

Alabra

Non è una delle isole molto conosciute e si presenta deserta. Per fortuna, visto che in un tempo passato, qualcuno voleva installarci delle basi militari.

La presenza delle sue tartarughe giganti e l’intervento di un gruppo di agguerriti ambientalisti sono riusciti a evitarlo.

Aldabra giant tortoise eats leaves.

Isole di Ang Thong

Le meravigliose isole deserte, su cui essere lasciati, per una vacanza di tutto relax, non finiscono qui. Ricordiamo che vicino ad una famosissimo luogo di vacanza, Koh Samui, in Thailandia, c’è un gruppetto di isole disabitate.

Viewpoint-Marine-Park

Sono formate da pietra calcarea e coperte di lussureggiante vegetazione tropicale. Il loro nome è Ang Thong e risultano difficili da visitare. Esse fanno parte di un parco nazionale e gli ingressi sono molto controllati.

L’atollo Clipperton

isole

Le bellezze delle isole deserte non finiscono qui. Esiste un atollo sterile disseminato di piccoli boschetti di palme. Una vera delizia, che si trova a nord dell’arcipelago di Galapagos, nell’oceano Pacifico. Nei tempi passati, era un magico approdo per i naufraghi. Essi trovavano ristoro nelle sue lagune di acqua dolce. Ora è territorio francese.

Isola di Devon

isole

Non è solo ai Tropici, che possiamo trovare isole deserte.

Vogliamo ricordare che Devon è nella baia di Baffin in Canada? Nei tempi passati, essa ha ospitato diversi insediamenti inuit. Oggi solo qualche campeggiatore esperto, con guida al seguito, decide di avventurarsi a Devon. Alcuni ricercatori si appoggiano alla Devon Island Research Station, che è stata fondata nel 1960 ed è mantenuta dall’Istituto Artico del Nord America.

Isole deserte alle Maldive

isole

Chi l’avrebbe mai detto che alle Maldive esistono isole deserte?
E’ difficile credere che all’interno dell’arcipelago più desiderato dai turisti se ne possano trovare. Non c’è però da scommetterci. Le Maldive comprendono oltre 1000 isole. Strano ma vero, solo una piccola parte di queste sono abitate. Alcune sono proprietà privata ed è impossibile accedervi.

Altre ospitano resort di lusso e sono aperte solo agli ospiti. Ne rimangono alcune centinaia di isole completamente deserte, dove è anche possibile campeggiare. L’importante è essere attrezzati di una barca o un idrovolante per raggiungerle.

Isola Surtsey

surtsey3.900x600

Quest’isola islandese, a cui si suppone sia stato dato il nome di Surtsey, non esisteva prima del 1963.

E’ la più giovane delle isole deserte conosciute. Si è formata dall’eruzione di un vulcano subacqueo. Il suo valore scientifico è grande e la rende off limits anche ai semplici turisti. Le sue dimensioni sono a dire poco particolari e certamente scoraggiano i naufraghi. Pensate che la sua estensione non supera i 1,4 km quadrati.

Isola di Tetepare

Solomon-Islands-6

Un’ultima isola desertica, ultima solo per ordine di elenco e non certamente per bellezza è quella di Tetepate. Essa fa parte delle isole Salomone. Ancora oggi non si conoscono i motivi sia disabitata dalla metà del 19º secolo. In seguito ci sono stati vari tentativi di insediare delle colonie su Tetepare, ma sono falliti.

Di sicuro l’elenco delle isole deserte su cui naufragare potrebbe continuare all’infinito. Tra tutte le proposte, quale scegliereste?

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche