×

La cerimonia nuziale degli avventisti del Settimo Giorno

default featured image 3 1200x900 768x576

Chiesa avventista del Settimo Giorno
Se voi e il vostro futuro marito siete avventisti del Settimo Giorno, e volete sposarvi in una chiesa avventista, ci sono alcune regole di cui dovete essere consapevoli mentre organizzate il vostro matrimonio.

La cerimonia rispecchierà molto probabilmente alcune delle principali credenze della chiesa, e i membri del clero sono solitamente molto felici di discutere queste regole con voi, prima del giorno del matrimonio.

Decorazioni

Non ci sono regole in senso stretto per decorare la chiesa per un matrimonio avventista, ma le decorazioni dovrebbero essere attraenti, ma non troppo opprimenti. Si possono usare fiori freschi o sintetici e gli uscieri potrebbero srotolare una guida all’esterno in modo tale che gli sposi, le damigelle e i testimoni ci passino sopra.

Anche le candele fanno talvolta parte di una cerimonia nuziale avventista, e sono usate per illuminare la navata centrale percorsa dai genitori degli sposi e dai loro testimoni. Un grande e decorativo candelabro viene spesso situato nella parte anteriore della chiesa, per il momento in cui la candela dell’unità viene accesa dagli sposi.

Abbigliamento nuziale
Gli avventisti del Settimo Giorno preferiscono un abito modesto, perciò le damigelle e i testimoni dovrebbero vestirsi di conseguenza per la cerimonia.

L’abito della sposa può avere uno strascico, ma non dovrebbe essere troppo attillato o mostrare troppo. Gli abiti delle damigelle, allo stesso modo, non dovrebbero lasciare scoperta troppa pelle. Lo sposo e i suoi testimoni solitamente non hanno preoccupazioni di questo tipo, dal momento che un abito o uno smoking sono perfettamente accettabili. Non è necessario che la sposa indossi un velo, ma può indossarne uno se vuole.

Fedi nuziali

Tradizionalmente, gli avventisti del Settimo giorno non si scambiano le fedi nuziali durante la cerimonia, dal momento che gli avventisti non indossano gioielli. Questo, tuttavia, è cambiato nella chiesa moderna, dal momento che alcuni pastori permettono lo scambio degli anelli. Gli anelli, tuttavia, dovrebbero essere modesti ( ad esempio non troppo grossi o vistosi ). Un regolamento emanato negli anni Ottanta dalla Conferenza Generale ( l’organo direttivo degli avventisti del Settimo Giorno ) autorizzava l’uso di anelli nell’America del Nord – le fedi erano indossate da membri europei e australiani ormai da secoli. Negli anni precedenti, alcune coppie avventiste sceglievano di scambiarsi orologi nuziali ( non considerati veri e propri gioielli perché utili ), e questa pratica è ancora accettata dalla chiesa.

Lo scambio delle promesse nuziali

Le coppie avventiste possono scegliere di scrivere le promesse nuziali oppure possono semplicemente ripetere quello che dice il pastore durante la celebrazione della cerimonia. Nella maggior parte dei casi, il pastore pronuncerà alcune parole di incoraggiamento e consiglio per la coppia e potrà chiedere di vedere le promesse prima dell’effettiva cerimonia, per accertarsi che siano in linea con i principi della chiesa.

Altre tradizioni

Alle coppie avventiste del Settimo Giorno che desiderano esprimere le proprie identità culturali durante la cerimonia nuziale, sarà concesso di farlo. Per esempio, se la coppia vuole che i vestiti di damigelle e testimoni siano degli stessi colori della bandiera nazionale, questo è accettabile. Oppure se una coppia avventista afro-americana vuole “saltare la scopa” alla fine della cerimonia, questo dovrà semplicemente essere organizzato in tempo. Se gli sposi chiedono di potersi scambiare le promesse nella loro lingua nativa, questo sarà ugualmente concesso.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora