Morgan mette all'asta i capelli su Ebay | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Morgan mette all’asta i capelli su Ebay
Lifestyle

Morgan mette all’asta i capelli su Ebay

morgan

Ennesima idea originale di Morgan. Il cantante ha deciso di mettere all'asta i suoi 400 mila capelli su Ebay.

Con un post su Instagram, Morgan, al secolo Marco Castoldi, ha annunciato un taglio drastico alla sua folta chioma. “Questa è l’ultima notte dei miei capelli – ha scritto -. Li rivedrete presto su Ebay, un euro cadauno”. Così facendo, la sua chioma varrebbe circa 400 mila euro, e se l’asta su Ebay andasse in porto, il cantante si ritroverebbe con un bel gruzzoletto.

I pacchetti disponibili

Oltre alla vendita dei singoli capelli, Morgan avrebbe proposto di vendere anche intere ciocche a tema: “un diavolo per capello”, ad esempio, conterà ben 666 capelli, mentre la “ciocca woo-doo” raccoglierà mille capelli in un oggetto con finalità esoteriche. “Alcuni esemplari hanno anche pelle di cute o forfora” ha precisato l’ex Bluvertigo.

Soddisfatti o rimborsati

Nel post, Morgan ha voluto ricordare anche la presenza di una formula “soddisfatti o rimborsati“. “Se trovi doppie punte puoi chiedere la sostituzione” ha detto l’artista, specificando, però, che la clausola non è valida per i clienti che acquisteranno il “pacchetto woo-doo”.

Non è ben chiaro se l’idea sia venuta al cantante per motivi economici o per semplice estroversione.

Certo è che Morgan ha sempre saputo stupire i suoi fan con idee geniali e anticonformiste. Proprio lui, inoltre, sarà protagonista di uno show su Rai 2 dedicato ai Queen, che andrà in onda giovedì
24 gennaio.

Le precedenti aste

Il cantautore monzese non è nuovo a questo tipo di iniziativa. In passato, infatti, aveva già messo all’asta alcuni oggetti personali relativi alla sua carriera. Tra questi ricordiamo il fiore della scenografia del video “The baby”, venduto a 431 euro, e il manoscritto di “Altre forme di vita” dei Bluvertigo, aggiudicato per oltre 1200 euro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche