×

Pamela Perricciolo: il video delle gocce pubblicato online

Eliana Michelazzo ha pubblicato sui social il video della ex socia Pamela Perricciolo mentre dice di aver preso le fatidiche gocce

pamela perricciolo ed eliana michelazzo
pamela perricciolo ed eliana michelazzo

Il caso che vede come protagonista Pamela Prati sta continuando a sconvolgere tutti. La sua ex manager Eliana Michelazzo continua infatti a pubblicare imperterrita sui social dei contenuti privati della sua ex amica Pamela Perricciolo. Dopo gli screenshot e i messaggi vocali, la proprietaria della Aicos Management ha ora condiviso un video dove Donna Pamela sostiene di aver preso un intero flacone di gocce.

“Non metto i filtri, non metto niente. Mi sono presa tutta la bottiglietta delle gocce che mi sono comprata. Perché io non ero Simone, non ero in quella chat […]”.

Perricciolo, il video delle gocce

Eliana Michelazzo aveva già raccontato della strana abitudine di Pamela Perricciolo di mandare video dove diceva di prendere interi flaconi di gocce. “Lei mi metteva paura, ogni volta che io facevo qualcosa che non le piaceva minacciava di prendere le goccette”.

Secondo quanto raccontato da Eliana, dunque, la Perricciolo aveva tentato più di una volta di prendere delle gocce calmanti. “Mi diceva: ‘Se muoio, pensa alla mia famiglia’. Mi faceva sempre sentire i sensi di colpa, io non capivo il perché di tutto questo”.

Pamela Perricciolo, video delle gocce

Ricordiamo, a onor del vero, che lo scorso 22 maggio Pamela Perricciolo è stata effettivamente ricoverata in ospedale per aver preso troppe gocce. A suo dire, come specificato poi a Live da Barbara D’Urso, utili solo per dormire. “Come previsto, arrivano le goccette”, aveva commentato allora l’ex amica Michellazzo. Eliana aveva anche raccontato che la Perricciolo fingesse malattie e malori vari, nonché minacciasse di suicidarsi ogni volta che provava a staccarsi da lei.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora