×

Coronavirus, Paola Caruso: “Non lavoro da tre mesi”

Paola Caruso si è sfogata per la situazione che l'ha colpita a causa dell'emergenza Coronavirus e per il futuro di suo figlio, il piccolo Michele.

PaolaCarusocoronavirus
PaolaCarusocoronavirus

Paola Caruso ha espresso la sua preoccupazione per l’emergenza Coronavirus e per suo figlio, Michelino, che a poco più di un anno è costretto a restare chiuso in casa senza conoscere il mondo. La showgirl ha anche affermato che da tempo non lavorerebbe, e che anche questo le avrebbe creato non pochi problemi.

Coronavirus: le parole di Paola Caruso

Paola Caruso si è detta profondamente preoccupata per l’emergenza Coronavirus: la bombastica showgirl, rimasta chiusa in casa con suo figlio Michelino (avuto a marzo 2019) ha svelato di non lavorare da mesi e di essere rimasta a casa, lontana dalle sue “due mamme” rimaste in Calabria. “Festeggiare il primo compleanno di Michele senza le sue nonne è stata una ferita al cuore che non si è ancora rimarginata.

Per me è straziante pensare che non possano trascorrere il tempo con il loro nipotino”, ha dichiarato la showgirl, aggiungendo anche che a preoccuparla sarebbe il futuro di suo figlio in questa situazione.

Anche dal punto di vista del lavoro tutto sarebbe fermo, e proprio a causa della pandemia la showgirl non lavorerebbe da circa 3 mesi. Sola, e con un bambino piccolo, Paola Caruso ha affermato di non sapere cosa le serberà il futuro ma a quanto pare per il momento questa situazione difficile sarebbe servita solamente a farle riallacciare i rapporti con il suo ex, Francesco Caserta, padre del bambino (che non lo ha mai voluto riconoscere come suo).

L’ex Bonas non ha voluto svelare i retroscena dietro alla presunta rappacificazione, ma i fan sono impazienti di sapere come stiano veramente le cose. Per il momento lei avrebbe assicurato che non ci sarebbe stato alcun ritorno di fiamma e chissà, magari sulla vicenda le lascerà spazio di parlare Barbara D’Urso.

Contents.media
Ultima ora