×

Lulù l’angelo tra i fiori: le avventure meravigliose della piccola orfana

default featured image 3 1200x900 768x576

Lulù l’angelo tra i fiori è un anime giapponese della Toei Animation prodotto e trasmesso nel 1979 nel Paese del Sol Levante e in Italia a dal 1981 su Italia 1, Rete 4, Boeing, Hiro e reti locali l’ultima volta nel 2010.

In Giappone, negli Anni ’80, è stato realizzato anche un film di animazione.

Tanto tempo fa, racconta il cartone animato, gli spiriti delle piante vivevano in armonia con gli esseri umani, ma questi ultimi diventarono sempre più avidi e crudeli, così gli spiriti delle piante se ne andarono dalla Terra per trasferirsi su un altro pianeta, la Stella dei Fiori. Tuttavia tracce di loro rimasero nei terrestri buoni e dalla Stella dei Fiori vennero inviati due spiriti dei fiori di nome Nubo e Cat (Dundù e Nanà nella versione italiana), un cane e un gatto parlanti, incaricati di trovare una persona davvero buona che potesse ritrovare il Fiore dei Sette Colori, grazie alla consegna del quale, si sarebbe potuta avviare la successione al trono di quel magico regno.

In Francia Dundù e Nanà trovarono Lulù, una ragazza orfana in parte discendente dagli spiriti dei fiori, la quale viveva con i nonni che gestivano un negozio di fiori. I due folletti rivelarono a Lulù la sua vera origine e la scelero per cercare il famoso fiore. Anche i suoi nonni spinsero la giovane a seguire il cane e il gatto, in un viaggio che li avrebbe portati in giro per tutta Europa.

Avrebbero dovuto affrontare, però, due antagonisti, anche loro alla ricerca del Fiore dei Sette Colori: la fata Togenisha (in italiano Toghenicia) e il suo servo Yavoque (uno un procione antropomorfo). La ricerca di Lulù e dei suoi amici, però, sarebbe andata a buon fine, dopo aver aiutato una serie di personaggi incontrati sulla loro strada. Di Lulù si sarebbe innamorato Serge (Celi in Italia), conosciuto sulla Terra come misterioso fotografo che, dopo ogni peripezia, avrebbe regalato i semi di un fiore alle persone aiutate dall’adolescente, per insegnare loro il linguaggio dei fiori e ricordare la lezione imparata da quell’esperienza.

Ma Celi non era altro che l’erede al trono della Stella dei Fiori, che avrebbe rinunciato al regno per rimanere sulla Terra con Lulù, troppo legata ai suoi nonni per lasciarli. La coppia si sarebbe impegnata a far sì che sempre più gente amasse i fiori.

Contents.media
Ultima ora