Il miglior rimedio per smettere di russare
Il miglior rimedio per smettere di russare
Salute & Benessere

Il miglior rimedio per smettere di russare

russare
russare

Russare, soprattutto quando non si è da soli a dormire, è uno dei problemi più fastidiosi che un uomo o una donna possano affrontare. Come risolverlo?


Russare, soprattutto quando non si è da soli a dormire, è uno dei problemi più fastidiosi che un uomo o una donna possano affrontare. Come risolverlo? Innanzitutto andiamo a conoscerlo.

Russare cause

Quali sono le cause del russamento? Andiamo a conoscere un po’ di più di questa patologia. Il russare durante il sonno, in termini medici, prende il nome di roncopatia. È una patologia frequentissima nella popolazione generale, si stima infatti che siano più di 7 milioni le persone tra i 40 e i 60 anni che russano e a queste si devono aggiungere anche bambini e giovani. Il russamento può essere saltuario o abituale.

Quello saltuario colpisce addirittura il 50% degli uomini e il 30% delle donne, ed è dovuto principalmente a cause transitorie, come un raffreddore che ostruisce le vie aeree superiori, un pasto serale troppo abbondante, oppure una forte stanchezza, un’abbondante ingestione di alcolici o un’abbondante assunzione di sonniferi, ansiolitici, ecc. Il russamento abituale, invece, vede ben altre cause nella sua genesi. Si stima che siano circa il 25% degli uomini e il 15% delle donne quelli che ogni notte russano e rendono così il sonno difficile al proprio partner.

Le cause di questo russare cronico sono da ricercare principalmente in problemi anatomici delle alte vie respiratorie. Il russare abitualmente segnala infatti solitamente una difficoltà nella respirazione. L’aria che viene inspirata fa fatica a passare attraverso le vie aeree superiori, come il naso e la gola, e crea quindi un flusso turbolento che fa vibrare i tessuti molli della gola, il palato molle, l’ugola, la base della lingua ecc. Le cause del restringimento delle vie aeree superiori che creano questa difficoltà di flusso inspiratorio possono essere moltissime.

Le principali sono: deviazione del setto nasale ipertrofia dei turbinati nasali ipertrofia della base della lingua ipertrofia delle tonsille palatine polipi nasali eccessiva lunghezza del palato molle e dell’ugola. C’è da sottolineare il fatto che, almeno all’inizio, il russamento è molto più frequente se il soggetto dorme in posizione supina, ovvero a pancia in su. In questa posizione, infatti, si ha l’ulteriore riduzione dello spazio respiratorio a causa della caduta indietro della base della lingua e inoltre è una posizione che aumenta fisiologicamente l’ipertrofia dei turbinati nasali.

Esistono alcuni fattori che possono predisporre una persona a russare. Sicuramente gli uomini russano più delle donne e questo si pensa possa dipendere da fattori ormonali. Si è infatti visto che gli uomini, soprattutto più giovani, russano più di quelli anziani e si è pensato potesse dipendere dai più alti livelli di androgeni. Le donne, invece, tendono a russare di più dopo la menopausa, in accordo con la caduta dei livelli di estrogeni che avviene in questo periodo. In ogni caso, le donne russano meno degli uomini in qualsiasi periodo della loro vita.

Peso corporeo

Altro fattore importantissimo è il peso corporeo. Le persone obese hanno un collo di circonferenza maggiore perché il grasso si deposita soprattutto lungo le pareti della faringe restringendo così lo spazio respiratorio e predisponendo il soggetto a russare. Si considerano a rischio i soggetti con taglia del collo superiore a 42. Per valutare il proprio peso corporeo e il proprio peso forma, esiste una semplice formula matematica che mette in relazione il peso con l’altezza della persona. Si chiama BMI (Body Mass Index) o IMC (Indice di Massa Corporea).

Altri fattori di rischio sono il fumo (provoca irritazione delle mucose respiratorie, con gonfiore e quindi restringimento di esse), l’uso di alcol o farmaci sedativo-ipnotici (ovvero sonniferi o ansiolitici). Entrambi questi fattori riducono il tono della muscolatura delle vie aeree superiori e predispongono i tessuti molli a vibrare maggiormente e collassare più facilmente, favorendo così l’insorgenza delle apnee nel sonno (vedi dopo). Anche una mandibola più piccola del normale o in posizione più arretrata può favorire la roncopatia, così come il reflusso gastro-esofageo. Perché si dà così importanza al russare?

Sicuramente, il primo problema che il russare ci mette di fronte è il disturbo che si arreca alla persona che condivide con il soggetto in questione il letto. Ma oltre a questo problema di “convivenza” ne esistono altri ben più gravi che dobbiamo mettere sotto la lente di ingrandimento. Infatti, almeno il 20-30% dei soggetti che russano abitualmente va incontro, ogni notte, a numerosi episodi di apnee ostruttive. In pratica, in maniera transitoria, in questi soggetti si assiste a un vero e proprio arresto respiratorio che può ripercuotersi in maniera grave sulla vita quotidiana oltre che sulla qualità del sonno. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste questa vera e propria patologia.

Apnee del sonno

Spesso legato al russamento è anche il fenomeno delle apnee del sonno. Vediamo come funziona questo fenomeno e come potersi difendere. Noi le definiamo apnee del sonno, ma dovremmo parlare della sindrome delle apnee ostruttive del sonno, che è senza dubbio una malattia legata allo stato funzionale della muscolatura delle vie respiratorie: nessuno ha apnee da sveglio, perchè nella veglia il tono dei muscoli dilatatori della faringe è sufficiente a tenere aperte le prime vie aeree. La causa “neurologica” (ipotonia muscolare) è quindi quella che in ogni caso scatena il fenomeno. E’ la più difficile da studiare, e ad oggi non disponiamo di una terapia che agisca a questo livello. ( Fogel et al. 2001, Malhotra et al. 2002, Schwab-Strohl 2003).

Tuttavia anche le cause anatomiche che rendono più strette le prime vie aeree sono estremamente importanti nella genesi delle apnee (Schwab 2003). I casi di sindrome delle apnee del sonno, in cui non sia presente nessuno dei fattori anatomici descritti di seguito, sono molto rari. Ed è soprattutto su queste cause che siamo in grado di agire con la terapia. Vediamo le più importanti.

Apnee del sonno cause

L’obesità è la più comune delle cause di ostruzione. I meccanismi attraverso cui agisce sono complessi, ma senza dubbio il più importante è la deposizione di grasso fra i tessuti molli del collo, che provoca una diminuzione del calibro della faringe per effetto meccanico diretto. In effetti la circonferenza del collo è uno dei fattori di rischio più importanti per la valutazione della probabilità della malattia (v Diagnosi), ed è la base per il calcolo del rischio secondo la formula di Flemons (Flemons 2002). L’obesità è così importante nella genesi delle apnee che anche piccole variazioni di peso sono in grado di modificare sensibilmente la gravità delle apnee (Peppard et al, 2000). Un modo semplice per valutare sovrappeso e obesità è l’indice di massa corporea (Body Mass Index, BMI).

Altre cause di aumento di volume dei tessuti molli sono importanti: l’ipertrofia delle tonsille e la presenza di adenoidi sono la causa più frequente della apnea del sonno nel bambino, e anche nell’adulto conservano una certa importanza. Lo stesso vale per la presenza di un palato molle particolarmente lungo e spesso, di una lingua grossa (come avviene ad esempio nell’ipotiroidismo o nella sindrome di Down), di guance ipertrofiche. Tutte queste cause, come l’obesità, tendono a ridurre il calibro delle vie aeree. In presenza di infiammazione (faringiti, tonsilliti) la situazione si aggrava.

La conformazione alterata della struttura ossea della faccia può essere causa importante di apnea del sonno anche in soggetti magri. In particolare è sfavorevole la presenza di una mandibola piccola, o posizionata troppo indietro rispetto al mascellare superiore (cosiddetta seconda classe scheletrica), o di un palato molto stretto (palato ogivale e conseguente cross-bite).

Rimedi per non russare

Questi fattori causali dell’apnea possono essere modificati più di altri dagli apparecchi dentali, sia a scopo preventivo (terapia ortodontica nei bambini) sia a scopo curativo (apparecchi notturni negli adulti), e dalla chirurgia maxillo-facciale, riservata ai casi più gravi. Ma adesso veniamo a un prodotto che promette di essere la soluzione definitiva ai problemi legati al sonno.

Easy Night

easynight

Parliamo di Easy Night, un rivoluzionario metodo per smettere di russare. Easy Night è un dispositivo, insomma, una mascherina nasale, da inserire all’interno delle narici. Questa mascherina grazie a due perni, apre le vie respiratorie, permettendo all’aria di entrare più facilmente. Easy Night è formata da due perni che andranno infilati all’interno delle narici, in questo modo le vie respiratorie verranno aperte facilitando l’entrata dell’aria e la circolazione del sangue all’interno delle mucose. La base in silicone invece, possiede al suo interno uno speciale filtro che tratterrà germi e batteri al suo interno.

Infatti, durante la notte, migliaia di microbi entrano nelle nostre vie respiratorie, portando asma e allergie. Easy Night funzionerà da scudo per il tuo organismo. La promessa con cui questo prodotto si presenta è quella di far smettere di russare già dalla prima notte, e presto, dopo che il corriere arriva col prodotto, si può passare alla prova della verità, e si scopre che Easy Night funziona davvero.

Ma quali sono le caratteristiche di Easy Night?

Funziona dalla prima notte – non dovrai aspettare settimane o mesi prima di vedere i primi risultati;
Leggera – durante la notte non la sentirai neanche;
Migliora i rapporti coniugali – il russare è la terza causa in assoluto di divorzio;
Filtra germi e batteri;
Diminuisce drasticamente le probabilità di avere problemi cardiovascolari;
Riutilizzabile e risciacquabile – facendo attenzione al filtro;
Migliora i livelli di sonno, facendoti risvegliare più riposato e più pieno di energia

Il funzionamento di Easy Night è davvero semplice: prima di mettersi a letto, basta inserire il dispositivo nelle narici e con grande stupore dopo solo 2 minuti non sembra neanche di averlo indossato. Poi basta infilarsi sotto le coperte e mettersi a dormire. Il risultato è da non credere. Se all’inizio può capitare che non si creda all’efficacia di Easy Night, adesso posso dire tranquillamente che Easy Night è l’unica soluzione reale per smettere di russare in maniera definitiva e lo consiglio davvero a chiunque abbia questo problema.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Huawei P10 Lite 32GB 4GB Ram Black - Nero
209 €
Compra ora
Diadora Cyclette Cleo Rigenerata
89.95 €
189 € -52 %
Compra ora
Modestino Picariello 726 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza