> > Miss Italia non ritornerà in Rai: l'annuncio di Patrizia Mirigliani

Miss Italia non ritornerà in Rai: l'annuncio di Patrizia Mirigliani

Miss Italia Rai

Il futuro di Miss Italia non sarà in Rai: è stato lo stesso patron Patrizia Mirigliani a spiegare perché questo ritorno è "sfumato".

Chi ha vissuto nel periodo d’oro della televisione italiana non potrà certo dimenticare di come Miss Italia fosse una delle trasmissioni più attese della televisione di Stato.

Del resto le stelle che ha contribuito a lanciare nell’olimpo dello spettacolo anno dopo anno sono state moltissime: pensiamo anche solo a Roberta Capua, Anna Kanakis, Anna Valle, Cristina Chiabotto, Miriam Leone e tornando più indietro Lucia Bosè e Sophia Loren che nel 1950 arrivò quarta, conquistando la fascia di Miss Eleganza. Questo glorioso concorso non tornerà in Rai ed è stata la stessa Patrizia Mirigliani a spiegare cosa ha impedito questo ritorno. 

Miss Italia, il concorso non tornerà sulla Rai: l’annuncio di Patrizia Mirigliani 

Interpellata da Adnkronos il patron di Miss Italia Patrizia Mirigliani ha spiegato qual era il progetto che sarebbe dovuto approdare su Rai 1: “Avevamo in progetto di fare la finale di miss Italia all’interno di un contenitore tv per famiglie sotto le feste di Natale, sulla Rai anche se non su Rai1 sarebbe stata una buona occasione sia per Miss Italia che per la Rai, tra l’altro a costo zero quindi senza utilizzare i soldi del canone”. 

Ha poi affermato: “Questa possibilità sulla Rai alla fine è stata negata, pare perché i valori del concorso non sono più in linea con o valori di oggi… Ma solo l’Italia ha questo preconcetto, che è segno di ignoranza”. 

L’appello al Governo

Patrizia Mirigliani nel corso della sua riflessione ha auspicato che “questo nuovo governo e il ministro della Cultura possano restituire a ‘Miss Italia’ e alle mie ragazze la dignità che meritano”. Contestualmente ha rivolto un pensiero di stima al presidente Meloni, simbolo delle donne che raggiungono i loro obiettivi per le loro grandi capacità con grandi sacrifici”.

Infine ha detto con decisione: “Io continuo a combattere la mia battaglia contro l’ipocrisia ed i preconcetti di chi è incapace di formulare un pensiero che sia libero da patetici luoghi comuni, gravi quanto le violenze fisiche e psicologiche che sono sempre più frequenti verso le donne”.