> > Morto Mike Agassi, padre “tiranno” del campione di tennis Andre Agassi

Morto Mike Agassi, padre “tiranno” del campione di tennis Andre Agassi

andre Agassi

L’ex pugile Mike Agassi, padre “tiranno” del campione di tennis Andre Agassi, è morto all’età di 90 anni a Las Vega, negli Stati Uniti.

Mike Agassi, padre “tiranno” del campione di tennis Adre Agassi, è deceduto a Las Vegas all’eta di 90 anni.

La notizia è stata diramata alcuni giorni dopo il decesso dell’uomo.

Morto Mike Agassi, padre “tiranno” del campione di tennis Andre Agassi

Nella giornata di mercoledì 29 settembre, è stata diffusa la notizia relativa alla morte di Mike Agassi, padre del tennista Adre Agassi. Il funesto evento, avvenuto a Las Vegas, negli Stati Uniti d’America, è stato comunicato soltanto alcuni giorni dopo la scomparsa del 90enne. A quanto si apprende, infatti, l’uomo è deceduto nella giornata di venerdì 24 settembre.

Mike Agassi è stato una figura particolare, coinvolto in uno dei legami più discussi e controversi mai esistiti nella storia dello sport che abbia riguardato un atleta e un suo familiare.

Il rapporto tra Adre Agassi e suo padre Mike, infatti, è stato raccontato nel tennista nella sua autobiografia intitolata Open. Nel libro, l’atleta ha raccontato le difficoltà vissute durante l’infanzia a causa della presenza ingombrante del padre e del rapporto di amore-odio che li teneva stretti l’uno all’altro.

Morto Mike Agassi: carriera da pugile e trasferimento negli USA

Mike Agassi, nato Emanoul Aghasi, è stato un ex pugile di origini armene: l’uomo partecipò ai Giochi Olimpici del 1948 e del 1952 per l’Iran, Paese nel quale era nato. Una delle più grandi passioni di Emanuoul Aghas, tuttavia, era il tennis.

L’ex pugile ebbe quattro figli e tentò di trasformarli tutti in campioni, sottoponendoli a durissimi ed estenuanti allenamenti. L’unico che divenne realmente un campione in ambito sportivo, però, fu soltanto Andre Agassi, con il quale il genitore instauro un legame totalizzante.

A questo proposito, il tennista ha raccontato: “Da ragazzino avevo odiato il tennis, vivevo nella paura di mio padre che mi voleva campione a tutti i costi”.

Nel corso della sua vita, Emanoul Aghasi decise di trasferirsi negli Stati Uniti d’America, falsificando il proprio passaporto e portando con sé i suoi figli. In un primo momento, la famiglia si stabilì a New York, per poi spostarsi a Chicago e, infine, a Las Vegas.

Morto Mike Agassi: il rapporto con il figlio Andre

La storia di Andre e Mike Agassi è stata fortemente influenzata dall’utilizzo di uno specifico macchinario che ha “segnato” l’infanzia e l’adolescenza del campione di tennis. Il macchinario in questione, descritto in Open come un “drago”, era una sparapalle modificata dall’ex pugile con la quale Mike Agassi costringeva il figlio a colpire innumerevoli palle da tennis ogni giorno.

In particolare, l’uomo asseriva: “Se colpisci 2.500 palle al giorno, ne colpirai 17.500 alla settimana e quasi un milione in un anno. Un bambino che colpisce un milione di palle all’anno sarà imbattibile”.