×

Nuove rivelazioni da Wikileaks: tocca ai grandi evasori

Condividi su Facebook

L’ex banchiere svizzero Rudolf Elmer (nella foto) annuncia la diffusione di documenti contenenti i nomi di duemila evasori fiscali, tra cui circa quaranta uomini politici e imprenditori molto noti di Stati Uniti, Gran Bretagna e Asia; l’uomo è accusato di violazione del segreto bancario, ma si giustifica così: “voglio che la società sappia”.

Proprio oggi Julian Assange, si è recato al Frontline Club di Londra per ricevere dalle mani dell’ex banchiere i documenti scottanti, che riguardano dati sul periodo 1990-2009. Per il momento, il sito è occupato nella pubblicazione di 250mila dispacci diplomatici, per cui i nuovi file potranno essere controllati e resi pubblici solo tra qualche settimana, anche se il fondatore di Wikileaks garantisce: “tratteremo queste informazioni come tutte le altre che riceviamo.

Ci saranno rivelazioni complete”. Parte del materiale potrebbe inoltre essere consegnato alle autorità competenti.

Rudolf Elmer è l’ex direttore di una filiale alle Cayman della banca svizzera Julius Baer, e tra due giorni dovrà comparire di fronte ai giudici svizzeri per rispondere all’accusa di violazione del segreto bancario. Il suo obiettivo, però, è far conoscere alla società come funziona il sistema delle banche offshore, un sistema che danneggia la società. “Il sito di Assange è la mia ultima speranza. Ho provato ad avvicinare autorità e media nella mia battaglia contro le banche. Non c’è stato nulla da fare”.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche