> > OMS: arrivano le nuove linee guida sulla gestione della pandemia

OMS: arrivano le nuove linee guida sulla gestione della pandemia

Ci sono le nuove linee guida Oms sulla pandemia

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha fatto il punto sul Covid nel mondo e dall'OMS arrivano le nuove linee guida sulla gestione della pandemia

Dall’OMS arrivano le nuove linee guida sulla gestione della pandemia e uno dei punti chiave delle “regole” per l’inizio del 2023 è nella assoluta utilità delle mascherine che vengono consigliate.

Le mascherina infatti, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, “continuano ad essere uno strumento chiave contro il Covid-19: sono consigliate a seguito di una recente esposizione a Covid, quando qualcuno ha o sospetta di avere Covid, se si è ad alto rischio di Covid grave e per chiunque si trovi in uno spazio affollato, chiuso o scarsamente ventilato“. 

OMS: arrivano le nuove linee guida

L’aggiornamento dell’Oms raccomanda l’uso delle mascherine “in situazioni specifiche” e l’uso “indipendentemente dalla situazione epidemiologica locale, data l’attuale diffusione del Covid a livello globale“.

E ci sono anche casi ulteriori per l’uso  della mascherina, sulla base di una valutazione del rischio. E quali fattori andrebbero considerati? “Le tendenze epidemiologiche locali o l’aumento dei livelli di ospedalizzazione, i livelli di copertura vaccinale e di immunità nella comunità e il contesto in cui si trovano le persone”. 

Isolamento con o senza sintomi

E ancora: si consiglia che un paziente Covid “possa essere dimesso dall’isolamento in anticipo se risulta negativo a un test antigenico rapido”.

Poi senza test e per i pazienti con sintomi si suggeriscono 10 giorni di isolamento dalla data di insorgenza dei sintomi, senza i tre giorni di risoluzione dei sintomi del virus. Per i positivi al Covid senza sintomi si suggeriscono ora 5 giorni di isolamento in assenza di test, rispetto ai 10 giorni precedenti. 

La Kraken “diventerà dominante in Ue”

L’Oms rileva che “persone con sintomi dimesse dall’isolamento al giorno 5 dopo l’insorgenza dei sintomi rischiavano di infettare tre volte più persone rispetto a quelle dimesse al giorno 10″.

L’Ecdc ha invece pubblicato oggi un documento per il quale la variante XBB.1.5 del Covid, comunemente ribatezzata “Kraken”, potrebbe diventare “dominante nell’Ue nei prossimi 1-2 mesi”.