Perché l'Olocausto si chiama Shoah - Notizie.it
Perché l’Olocausto si chiama Shoah
Guide

Perché l’Olocausto si chiama Shoah

Perché l’Olocausto viene chiamato anche Shoah? E che cos’è la Shoah? Quante volte ci si è chiesti queste cose e ad altre su questi termini tanto noti, ma già molto distanti dalla società moderna. Oggigiorno, il termine Olocausto viene utilizzato per indicare i fatti accaduti durante la seconda guerra mondiale, ad opera dei tedeschi e dei loro alleati. Ma, i termini Olocausto e Shoah, che vengono oramai utilizzati quasi indifferentemente, si riferiscono a contesti storiografici diversi.

Col termine Olocausto, di derivazione prima greca e poi latina, viene tradotto il termine ebraico ‘olah‘ che indica un sacrificio nel quale un animale, dopo essere stato ucciso veniva bruciato su un altare sacro per essere “innalzato” e il fumo di questo era “odore gradito al signore”. È diverso, invece, il significato del termine ebraico Shoah, il quale, nel lessico biblico, assume dei significati legati all’idea di distruzione. Quindi se il termine Olocausto significa sacrificio ed Shoah significa distruzione, il termine più corretto da utilizzare riferendosi al genocidio perpetrato dalla Germania nazista e alleati a spese degli ebrei d’Europa e di tutte le categorie umane ritenute “indesiberabili” è il secondo.

Shoah, che significa distruzione, non si riferisce solo ai fatti avvenuti tra gli anni ’30 e ’40 del Novecento, ma in un contesto storico più vasto e generale, alla distruzione del senso dell’umanità e della dignità di ogni singolo uomo, donna o bambino che abbia subito le violenze naziste.

1 / 0
1 / 0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Sony Console Playstation 4 500 Gb Slim + Dimmi Chi Sei!
246 €
299.99 € -18 %
Compra ora
Electrolux Ejp5000 Ergopress Acciaio Inox Satinato/nero
35 €
59.9 € -42 %
Compra ora
Rowenta RO6383EA
150 €
249.99 € -40 %
Compra ora
Electrolux MO317GXE Forno incasso microonde L59,2 cm Inox
204.99 €
546.56 € -62 %
Compra ora
Maria Aufiero 156 Articoli
Traduttrice Freelance dal 2013, appassionata di arte, cultura e scrittura