Piacenza, studente di prima media picchia la professoressa
Piacenza, studente di prima media picchia la professoressa
Cronaca

Piacenza, studente di prima media picchia la professoressa

studente

Gravissimo fatto a Piacenza, dove uno studente di prima media ha picchiato una sua professoressa. Il ragazzino è stato sospeso

Un ragazzino di 11 anni, studente che frequenta la prima media in una scuola di Piacenza, ha aggredito una sua insegnante, colpendola al braccio e facendola andare al pronto soccorso. La scuola ha deciso, giustamente, di sospendere il colpevole, e di presentare denuncia per infortunio sul lavoro e ha segnalato il tutto ai servizi sociali. Il fatto è di una gravità enorme, e purtroppo non è l’unico che avviene ultimamente.

Studente picchia professoressa

Ennesima aggressione effettuata ai danni di un insegnante. Stavolta, il fattaccio ha avuto luogo in una scuola media di Piacenza, dove una professoressa è stata aggredita da uno studente di 11 anni. Il ragazzetto ha aggredito la donna, colpendola più volte al braccio. La vittima è dovuta recarsi al pronto soccorso, con una prognosi di sette giorni. La scuola ha deciso di sospendere lo studente 11enne aggressore, e poi ha presentato denuncia per infortunio sul lavoro.

Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza, ha affermato riflettendo sulla notizia: “Fatti violenti contro insegnanti di Piacenza, chiediamo di perseguire duramente i responsabili: i genitori rispondano delle azioni dei figli”.
Ha poi affermato che è grave il fatto che uno studente aggredisca il proprio insegnante che, in quanto tale rappresenta anche l’autorità statale”.

Lo studente, trattandosi di un soggetto minore dei 14 anni, non è perseguibile penalmente “ma certamente i genitori (o chi per essi) rispondono verso terzi dei danni prodotti dai loro figli”. La Gilda, quindi, inviterà formalmente l’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia-Romagna e l’Avvocatura dello Stato di Bologna ad agire nelle competenti sedi giudiziarie, solitamente lo fanno solo quando si tratta di ‘andare contro gli insegnanti mai quando c’è da agire per tutelarli.

studente

Caso di Foggia

L’atmosfera che si respira è troppo violenta, e si stanno superando i limiti di civiltà, calpestando il rispetto e l’educazione. Pochi giorni fa, a Foggia, un genitore ha aggredito il vicepreside, reo di avergli rimproverato il figlio. Il povero insegnante ha riportato 30 giorni di prognosi in seguito ai colpi subiti all’addome e alla testa. Il grave fatto ha avuto luogo nella giornata di sabato 11 febbraio nella scuola secondaria di I grado L.

Murialdo.
Lo sconsiderato genitori si sarebbe scagliato contro il professor Pasquale Diana, che è anche vicepreside dell’istituto. L’aggressore ha preso a pugni la povera vittima. L’azione del genitore è stata talmente rapida e decisa che nessuno ha potuto fermarlo prima di colpire il povero vicepreside.

Il giorno precedente, venerdì 9 febbraio, il vicepreside, sorvegliando gli scolari all’uscita della scuola, aveva rimproverato il ragazzino perché spingeva e rischiava di far cadere le compagne in fila davanti a lui. Per tutelare l’incolumità generale degli studenti in fila, il figlio del genitore aggressore è stato preso per il braccio e allontanato. L’azione del vicepreside ha innescato l’ira del genitore che. Questi, avrebbe quindi ascoltato e tenuto per buono soltanto il racconto del proprio figlio. Non ha ritenuto necessatio chiedere chiarimenti di alcun tipo, e ha deciso di fare giustizia a modo proprio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Melchioni Vega estrattore a freddo
57.99 €
99.9 € -42 %
Compra ora
De Longhi DELONGHI Sfornatutto EO14902
149.99 €
179.99 € -17 %
Compra ora
Nokia 3310 (2017) Dark Blue
84.5 €
Compra ora
Moleskine 12 Mesi - Agenda 2018 Settimanale Orizzontale Large Rosso
20.5 €
Compra ora