Massimo Zedda si è dimesso da sindaco di Cagliari | Notizie.it
Cagliari, Zedda si dimette: elezioni comunali a maggio
Politica

Cagliari, Zedda si dimette: elezioni comunali a maggio

massimo zedda

Massimo Zedda si è dimesso. Il 43enne ha confermato quanto annunciato e ha lasciato l'incarico di sindaco.

Massimo Zedda ha ufficialmente rassegnato le dimissioni. La decisione era già stata annunciata nella giornata di sabato 9 marzo, ma la notizia ufficiale è arrivata nella serata di lunedì 11. A spingere Zedda alle dimissioni sarebbe stato il risultato delle regionali e la scelta di svolgere il ruolo di consigliere di opposizione. L’addio è arrivato prima della proclamazione degli eletti in Consiglio regionale per consentire “alle cittadine e ai cittadini di scegliere, nel più breve tempo possibile e democraticamente, chi guiderà la città”, come riportato da Ansa.

La lettera di dimissioni

Zedda ha presentato una lettera di dimissioni in cui ha ringraziato “di cuore tutte le persone che hanno lavorato per la crescita della città“. I cittadini di Cagliari sono quindi chiamati alle urne in primavera, due anni in anticipo rispetto alla naturale scadenza. Una possibile data per il voto potrebbe essere il 26 maggio, in concomitanza con le elezioni europee. Le dimissioni del primo cittadino erano già state annunciate qualche giorno prima a Fordongianus, Oristano, in occasione di un incontro con la coalizione che lo aveva sostenuto nella corsa alle regionali.

Alle regionali Zedda si sarebbe candidato governatore del centrosinistra, sconfitto da Christian Solinas del centrodestra.

Eletto nel 2016

Quello in corso era per Zedda il secondo mandato.

Era stato eletto a primo cittadino nel 2011, e poi nel 2016. Alle ultime elezioni regionali si era candidato a presidente per il centrosinistra, perdendo. La sua coalizione aveva comunque ottenuto il 32,9% dei voti, migliorando il risultato delle elezioni politiche del 2018. In molti avevano attribuito il merito di tale miglioramento proprio a Zedda.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche