×
L’opinione di Fabrizio Capecelatro

Diciamoci la verità: siamo un po’ tutti Lello Ciampolillo

Lello Ciampolillo rappresenta quel modo, disinvolto e disincantato, tutto italiano di affrontare le cose serie e importanti: un po’ si guarda, ma in realtà si pensa ad altro.

siamo tutti lello ciampolillo

Non si sa con precisione dove fosse, anche se noi abbiamo provato a immaginare qualche possibile destinazione, ma di sicuro il Senatore Alfonso (detto Lello) Ciampolillo è salito alla ribalta della cronaca per essere letteralmente sparito durante la votazione per la fiducia al Governo Conte 2-bis.

Dai meme alle preoccupazioni perché l’Italia è affidata anche a un personaggio che, mentre si decidono le sorti del Governo che dovrebbe guidare il Paese fuori dalla pandemia e gestire i 209 miliardi che dovrebbero servire a farlo ripartire dopo uno stop di oltre un anno, l’ex Senatore dei 5Stelle è diventato il simbolo di una votazione già di per sé assurda in un momento così critico. Ma diciamoci la verità: siamo un po’ tutti Lello Ciampolillo!

Ciampolillo ha affrontato questa crisi di governo con la stessa disinvoltura con cui la maggioranza degli italiani, tranne Mentana e pochi altri addetti ai lavori, ha seguito le votazioni che fra lunedì 18 e martedì 19 gennaio hanno decretato se dovesse o no cambiare il governo italiano, se dovessimo o no tornare alle urne.

Quanti di noi si sono lamentati perché ieri sera, a causa delle dirette dal Senato e dei presunti approfondimenti giornalistici, “non ci fosse nulla in TV, neanche Un posto al sole”? Quanti si sono realmente informati sull’esito delle votazioni e quanti non l’hanno scoperto, quasi per caso, aprendo i social prima di andare a dormire e borbottando “vabbè, anche questa è superata”?

Ma forse Ciampolillo rappresenta proprio quel modo, disinvolto e disincantato, tutto italiano di affrontare le cose serie e importanti, mentre ci si distrae a chiacchierare con l’amico o al telefono con la propria moglie, mentre un po’ si guarda, ma in realtà si pensa ad altro.

Un po’ come quando, durante la prima ondata della pandemia, il problema non erano i morti e i contagi, ma che fosse finito il lievito per fare la pizza a casa.

Giornalista, dopo aver collaborato con diverse testate nazionali, fra cui Il Giornale e Il Fatto Quotidiano, si è specializzato in progetti nativi digitali. Dopo essere stato Brand Editorial Manager del network Nanopress, è approdato a Entire Digital come responsabile della redazione del network Notizie.it. È autore di tre libri inchiesta sulla criminalità organizzata ("Lo spallone - Io, Ciro Mazzarela, re del contrabbando", "Il sangue non si lava - Il clan dei Casalesi raccontato da Domenico Bidognetti", "Omissi 01 - La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore") e insegna "Comunicazione digitale" presso l'Università Umanitaria. Nel 2019 ha vinto il "Premio Europeo di Giornalismo Giudiziario e Investigativo".


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Fabrizio Capecelatro

Giornalista, dopo aver collaborato con diverse testate nazionali, fra cui Il Giornale e Il Fatto Quotidiano, si è specializzato in progetti nativi digitali. Dopo essere stato Brand Editorial Manager del network Nanopress, è approdato a Entire Digital come responsabile della redazione del network Notizie.it. È autore di tre libri inchiesta sulla criminalità organizzata ("Lo spallone - Io, Ciro Mazzarela, re del contrabbando", "Il sangue non si lava - Il clan dei Casalesi raccontato da Domenico Bidognetti", "Omissi 01 - La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore") e insegna "Comunicazione digitale" presso l'Università Umanitaria. Nel 2019 ha vinto il "Premio Europeo di Giornalismo Giudiziario e Investigativo".

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora