> > Prima di morire con il Canadair Roberto Mazzone era scampato ad un altro inci...

Prima di morire con il Canadair Roberto Mazzone era scampato ad un altro incidente

Roberto Mazzone

Roberto Mazzone era scampato ad un altro incidente: nel 2003 era riuscito a planare a terra incolume dopo un guasto al motore di un Cessna 150

Prima di morire con il Canadair assieme a Matteo Pozzoli Roberto Mazzone era scampato ad un altro incidente.

Nella sua città, Salerno, c’è lutto e dolore per la scomparsa del pilota era impegnato nello spegnimento di un incendio. Il 62enne Mazzone era un salernitano verace ed un pilota esperto e lascia la moglie e due figli di 18 e 22 anni

Mazzone scampato ad un altro incidente

E i media spiegano che la vittima aveva già avuto un’esperienza simile a quella che purtroppo giovedì scorso lo ha ucciso: nel 2003 Roberto scampò ad un altro incidente aereo ed effettuò un eroico atterraggio di fortuna sulla spiaggia di Salerno.

In quelle circostanze Mazzone era al timone di un Cessna 150: ad un certo punto il motore “grippò” e l’elica si fermò. A quel punto Mazzone “con una manovra magistrale” riuscì ad atterrare senza un graffio. 

Un uomo impegnato nel sociale

Il 62enne era anche un uomo di forti valori, impegnato anche nel sociale e nel volontariato con l’associazione Soccorso Amico di Salerno, che aveva contribuito a fondare.

Vincenzo aiutava i bisognosi anche di notte e se non avesse trovato una tragica morte in Sicilia  arebbe dovuto rientrare a casa a fine ottobre, terminato il servizio antincendio. Lo stesso sindaco di Salerno, Vicenzo Napoli, ha espresso cordoglio: “Esprimo il profondo cordoglio mio personale, della Civica Amministrazione e della cittadinanza tutta per la tragica morte di Roberto Mazzone perito in un incidente aereo mentre era impegnato nelle operazioni di spegnimento di un incendio sulle pendici dell’Etna”.