×

Rogo Castelfusano, Prefettura vara controlli 24 ore su 24

Terribile ed enorme incendio a Castelfusano. La prefettura, su richiesta del sindaco Virginia Raggi, manda forze militari per sorvegliare la pinetina.

default featured image 3 1200x900 768x576

Terribile incendio a Castelfusano

Purtroppo a Castelfusano la situazione è ancora disperata e drammatica. E si è resa necessaria una soluzione drastica. Un nuovo rogo è divampato stamattina all’alba nella famosa pineta di Castelfusano. Purtroppo è solo l’ennesimo caso, dato che ci sono stati incendi anche nei giorni scorsi.

Le fiamme hanno iniziato a crescere minacciose alle ore 6.40, tra viale delle Villa di Plinio e via Cristoforo Colombo, in direzione del mare.

Difficoltà nello spegnere il rogo

L’incendio, che aveva raggiunto addirittura i 200 metri di larghezza, si stava espandendo sempre più. La vegetazione fitta di Castelfusano purtroppo ostacola i mezzi di terra con i quali i vigili del fuoco e della protezione civile non riescono quindi ad esprimere tutta la loro efficacia.

Urgeva quindi un tempestivo intervento aereo. Fortunatamente alle ore 7.40 è arrivato sul posto un elicottero dei vigili del fuoco, ma dopo la prima gettata d’acqua si è dovuto fermare. Probabilmente dei problemi tecnici hanno frenato l’azione di soccorso in atto. Un altro elicottero è giunto verso 8.20, stavolta senza avere successivamente guai e difficoltà.

Castelfusano

Impiego dei militari a Castelfusano

Saranno impiegati anche i militari, ventiquattro ore su ventiquattro, per perlustrare la pineta di Castelfusano. E’ quanto stato determinato in prefettura, con una riunione alla quale hanno partecipato il sindaco di Roma, Virginia Raggi, vertici militari e il comandante provinciale dei vigili del fuoco. Era stato proprio il primo cittadino della capitale a volere e chiedere l’utilizzo di ulteriori forze dell’ordine a Castelfusano.

È questa la soluzione drastica ma a questo punto inevitabile, data la gravità della situazione.

Dichiarazioni del sindaco Virginia Raggi

Il sindaco di Roma ha poi dichiarato: “Pineta patrimonio da tutelare. La pineta viene vigilata dalle forze dell’ordine e dall’esercito per impedire l’accesso a potenziali piromani. Viene così accolta la mia richiesta avanzata nelle scorse settimane per tutelare uno dei patrimoni naturali della città di Roma . La pineta di Castelfusano è un patrimonio naturale dell’Italia e va tutelata. In queste settimane è stata interessata da numerosi incendi, presumibilmente di natura dolosa. Non possiamo più permettere che la mano dei criminali accenda altri roghi. Nei giorni scorsi ho emanato un’ordinanza urgente per limitare a persone e veicoli l’accesso nella pineta sia per agevolare le operazioni di spegnimento di nuovi incendi che per impedire eventuali nuovi atti dolosi”.

Noi possiamo solo augurare buon lavoro alle persone impiegate nella missione, e stare attenti a non causare incendi. Infatti molto spesso questi sono roghi dolosi che metteno a repentaglio vite e preziosi spazi naturali. E nel periodo estivo le fiamme sono ancora più potenti e pericolose. Bisogna avere rispetto della propria terra, a partire dai piccoli gesti.

Contents.media
Ultima ora