×

Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: 11 morti tra bambini e insegnanti, ucciso uno dei killer

Russia, sparatoria in una scuola a Kazan con 11 morti tra alunni e insegnanti, numerosi feriti in ospedale. Individuati i 2 killer, uno è stato ucciso.

Strage a Kazan, Russia: 11 morti in una scuola, uno degli aggressori è stato ucciso

Russia, sparatoria in una scuola di Kazan. Il bilancio aggiornato è di 11 vittime e numerosi feriti, ricoverati in ospedale. Secondo i servizi di emergenza locali, si tratta di bambini e insegnanti colpiti da un attacco armato per mano di due killer.

Russia, sparatoria in una scuola

Gli autori della strage sarebbero due, di cui un adolescente di 17 anni che è stato fermato dalla Polizia e ammanettato all’interno della scuola di Kazan. Il secondo killer avrebbe preso in ostaggio delle persone sul posto, per poi finire ucciso in base a quanto riportato dal Mash Telegram. Secondo alcune indiscrezioni, non confermate, avrebbe 19 anni e la licenza di possedere armi da fuoco.

Il presidente del Tatarstan, Rustam Minnikhanov si è recato alla scuola per prendere visione dell’accaduto. Sono 32 i feriti registrati, tra le vittime ci sarebbero anche 2 ragazzi precipitati dal terzo piano dell’edificio nel tentativo di sopravvivere alla carneficina. Al momento non sono ancora chiari i motivi che hanno spinto gli aggressori a compiere un gesto talmente efferato, la scuola aveva appena riaperto dopo un periodo di vacanza di 10 giorni.

“Ho sentito un’esplosione”

Il tutto è avvenuto in pieno orario di lezione, quando uno degli assalitori è entrato dall’ingresso principale della scuola di Kazan con un’arma automatica, iniziando subito a sparare senza sosta. “Ero in classe. Prima ho sentito un’esplosione, poi degli spari, ha dichiarato un docente. “Abbiamo sentito un’esplosione e abbiamo visto del fumo alzarsi dalla scuola”, ha detto un altro testimone presente al momento della carneficina. Non si tratta di episodi comuni in Russia, l’ultima sparatoria in una scuola risale al 2018, in Crimea, quando uno studente massacrò 19 persone e poi si tolse la vita.

Di recente c’è stata una simile tragedia in un istituto scolastico statunitense di Knoxville, Tennessee, dove uno studente è stato ucciso in una sparatoria, coinvolto anche un agente di Polizia rimasto ferito da un proiettile alla gamba. L’aggressore era uno studente, che dopo aver sparato il colpo si è barricato all’interno di un bagno della scuola, per poi riaprire il fuoco verso le Forze dell’Ordine giunte sul posto per arrestarlo. Dall’inizio del 2021, a Knoxville sono stati uccisi altri 4 studenti della scuola, sempre durante aggressioni armate da parte di altri giovani.

Contents.media
Ultima ora